Live Sicilia

CALCIO - SERIE B

Palermo, è caccia al tesoretto
Nestorovski e Puscas pezzi pregiati


Articolo letto 2.270 volte

La società rosanero valuta la cessione di alcuni giocatori che fanno gola sul mercato come il macedone ed il rumeno.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Dopo l'addio ufficiale di Mato Jajalo, che ieri ha salutato dopo quattro anni la maglia rosanero per quella dell'Udinese andando in Friuli a parametro zero, in casa Palermo si ragiona sulla possibilità di cedere qualche pedina importante ancora sotto contratto per racimolare milioni importanti per il rilancio del progetto tecnico affidato al nuovo allenatore Pasquale Marino. Sono almeno cinque infatti i giocatori che potrebbero lasciare la Sicilia per permettere alla nuova proprietà mettere da parte un tesoretto che si aggirerebbe intorno ai 14 milioni di euro. Così come accaduto dunque nella passata stagione, quando per ristrettezze di budget i siciliani furono costretti a cedere i vari Coronado, La Gumina e Gnahorè, anche durante la prossima sessione estiva di mercato si potrebbe dare l'addio a qualche pezzo pregiato.

Il primo nella lista è sempre Iljia Nestorovski. L'attaccante macedone ha molto mercato e l'ultima stagione condita da 14 gol ha mantenuto alto l'interesse nei suoi confronti da parte di club italiani ed esteri con il Lecce e la Stella Rossa che sarebbero pronti a contenderselo. L'attuale cartellino del macedone si aggira sui 4 milioni di euro anche se il dg Lucchesi potrebbe puntare su un'eventuale asta per alzare il prezzo. Al pari di Nestorovski anche George Puscas è sulla lista di diversi club di serie A e B che con il rumeno vorrebbero arricchire il proprio reparto avanzato ma per poter trattare il rumeno la base d'asta parte da 3 milioni, gli stessi che i rosa elargirono all'Inter per aggiudicarselo.

Cifre importanti possono arrivare infine anche delle eventuali cessioni di Trajkovski (2 milioni) e Brignoli (1,5 milioni) anche se in questi casi, così come per Bellusci e Rajkovic, sarà il tecnico Marino a dare delle indicazioni alla società in merito ad una permanenza o meno. Di sicuro per quanto riguarda i centrali difensivi, nel caso dovessero rimanere, si dovrebbe andare a ritoccare gli attuali ingaggi ritenuti troppo alti dalla società che nell'ottica di una gestione più oculata la settimana prossima, durante la riunione dei soci, dovrà erogare almeno 8 milioni nelle casse del club per adempiere ai primi obblighi, in primis quelli dell'iscrizione al prossimo campionato.

 

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php