Live Sicilia

calcio

Palermo, scatta la class action
Tre avvocati all'attacco della Lega


Articolo letto 9.207 volte

Chiara la protesta contro Tribunale Federale Nazionale e Consiglio direttivo di B.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - I tifosi del Palermo e annunciano una serie di iniziative per provare a scuotere l'ambiente e a far trapelare il proprio evidente malcontento, dato sia dalla sentenza del Tribunale Federale Nazionale che ha declassato i rosanero all'ultimo posto della classifica di serie B, sia dalla decisione del Collegio Direttivo del campionato cadetto che ha dato il via libera ai playoff e bloccato i playout. Il primo gesto da parte della piazza palermitana culminerà in una manifestazione che partirà questa sera alle ore 21 da piazza Verdi, di fronte al Teatro Massimo. La stessa location da cui partì tutt'altro genere di manifestazione, esattamente due anni fa, quando però al centro della contestazione dei tifosi del Palermo c'era Maurizio Zamparini. Che in un certo senso è anche colui il quale ha ridotto il club di viale del Fante in questa situazione, a volerci pensare bene.

Ma dal punto di vista più formale, i tifosi del Palermo hanno deciso di muovere anche un secondo passo. Stiamo parlando della composizione di una class action che verrà avviata da un comitato di persone che hanno a cuore il destino della formazione rosanero, con una delegazione anche di tifosi che attualmente risiedono all'estero, in Paesi come Germania e Stati Uniti. Il pool di avvocati composto da Giovanni Di Trapani, Alessandro Palmigiano e Ninni Terminelli ha deciso di avviare questa class action a tutela dei diritti della società rosanero, tra le altre cose appena ricostituita con il passaggio di proprietà del club nelle mani di Arkus Network, oltre che degli stessi tifosi del Palermo. Il comitato che ha promosso la class action chiederà l'adesione a migliaia di tifosi ma anche di appassionati di calcio e di sport, in modo da poter avviare un'azione collettiva contro la decisione che è stata definita scandalosa dagli stessi avvocati.

Sarà dunque un moto di protesta contro gli organi che si sono occupati di infliggere una sanzione severissima al Palermo, ovvero il Tribunale Federale Nazionale ma anche e soprattutto il Consiglio Direttivo della Lega di serie B e in particolare i suoi componenti, come il presidente Mauro Balata e i suoi "consiglieri" Santopadre e Mezzaroma, i quali hanno tratto giovamento diretto da questa decisione che ha rispettivamente portato il Perugia ai playoff e salvato la Salernitana senza passare dai playout. Conflitto d'interessi allo stato puro, dunque. Il Comitato - come fa sapere attraverso una nota ufficiale da poco diramata - fornirà nei prossimi giorni i dettagli tecnici utili all'adesione; sarà necessario, previa dimostrazione dei requisiti di tifoso (esibizione di abbonamento, biglietto o tessera del tifoso), versare la quota simbolica di 5 euro, che sarà utilizzata per la copertura delle spese legali utili alla proposizione del ricorso.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php