Live Sicilia

CALCIO - SERIE B

Palermo, come giocherà con Rossi
Difesa a quattro e due attaccanti


Articolo letto 3.564 volte

Con il tecnico riminese subentrato a Stellone i rosanero dovrebbe passare al 4-3-1-2.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Il suo ritorno ha risvegliato nei tifosi quell'entusiasmo rimasto sopito, insieme probabilmente al ricordo di quel Palermo che lui stesso portò a qualificarsi quasi in Champions League e poi fino alla finale di Coppa Italia persa poi contro l'Inter. Delio Rossi suscita questo nel tifoso palermitano, tanto affetto per il modo in cui in appena due stagioni ha saputo conquistare il pubblico con lavoro e coerenza e gratitudine per i risultati prestigiosi raggiunti, anche se adesso lo scenario non è più quello della serie A, che il tecnico riminese lascio otto anni fa dopo la finale di Roma, bensì quello della cadetteria con i rosanero che si giocano la promozione diretta a quattro giornate dalla fine. La scelta del presidente Rino Foschi, a metà fra cuore e ragione, di esonerare Roberto Stellone per riportare in Sicilia uno dei tecnici più amati dalla tifoseria ci si augura dunque possa essere quella giusta.

Ma come giocherà il secondo Palermo di Delio Rossi? Di sicuro si ripartirà dalla difesa a quattro, con i vari Bellusci, Rajkovic, Rispoli, Aleesami, Salvi e Mazzotta che in queste ultime quattro giornate avranno ancora modo di dimostrare il proprio valore al nuovo tecnico, Rossi infatti punta molto sulla spinta dei terzini con l'esempio di Cassani e Balzaretti che sotto la guida del tecnico riminese giocarono le loro migliori stagioni in rosanero. A centrocampo si tornerà a tre e lì anche il ritorno di Mato Jajalo agevolerà il compito di Rossi che intende dare le chiavi della squadra proprio al bosniaco così come otto anni fa faceva con Liverani, attuale tecnico del Lecce con cui proprio Rossi dovrà confrontarsi per strappare un posto nella prossima serie A, con le due mezzali Nocerino e Migliaccio che oggi rispondo al nome di Haas (o Fiordilino data la squalifica dello svizzero in vista di Livorno) e Murawski.

In avanti non potranno giocare tutti contemporaneamente, così come visto nell'ultima sfida pareggiata col Padova. Con Rossi infatti o verrà dato spazio ad un fantasista alle spalle di due punte (ricordiamo Pastore a supporto della coppia d'attacco Cavani-Miccoli) oppure due trequartisti dietro però una sola punta (Pastore e Ilicic nell'ultima stagione di Rossi dietro Hernandez o Pinilla, ndr). In questo caso a Livorno uno fra Falletti e Trajkovski o fra Moreo e Puscas, premesso che Nestorovski parta titolare in entrambi gli assetti, si accomoderà in panchina in attesa di essere chiamato in campo al momento opportuno. Delio Rossi sa bene come gestire i giocatori a disposizioni e in quattro gare proverà a massimizzare lo sforzo per raggiungere l'obiettivo della serie A.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php