Live Sicilia

Calcio - Serie C

Catania, Novellino minimizza:
"Sconfitta? Non cambia granché"


Articolo letto 1.435 volte

"Non meritavamo di perdere e, sotto il profilo agonistico, non potevo chiedere di più ai miei calciatori"

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Malgrado la beffa cocente, Walter Novellino tende a minimizzare dopo l’ennesima debacle esterna di un Catania che si conferma deludente in questa fase conclusiva della stagione regolare. A Brindisi, contro una modesta Virtus Francavilla che ha badato essenzialmente a non perdere, i rossazzurri hanno disputato un match poco più che sufficiente, senza il piglio di chi vuole imporsi e dimostrare di potersela giocare sino in fondo per il salto di categoria. Ad onor del vero, il pareggio avrebbe meglio rispecchiato l’andamento delle cose in campo e la rete decisiva è maturata su una punizione dubbia, fischiata quando i tre minuti di recupero erano già scaduti. Tuttavia… poco cambia. Semmai è la prestazione complessiva e le scelte del tecnico a destare, ancora una volta, alcune perplessità. Difficile, infatti, comprendere perché siano stati lasciati in panchina i vari Pecorino, Liguori, Valeau e soprattutto Manneh, elementi rapidi in campo ed in grado forse di creare grattacapi alla compassata retroguardia pugliese. “Il terreno di gioco era sconnesso – dirà Novellino nel dopo partita - ma abbiamo ugualmente cercato di proporre il nostro gioco. Non meritavamo di perdere e, sotto il profilo agonistico, non potevo chiedere di più ai miei calciatori. Nel secondo tempo abbiamo provato ad alzare il ritmo ma spesso abbiamo sbagliato l’ultimo passaggio per il terreno sconnesso. Peraltro, sia oggi che con la Viterbese, anche l’arbitraggio ci ha penalizzato. Comunque – conclude l’allenatore del Catania- non cambia granché … pur considerando i risultati degli altri. Dobbiamo vincere tutte le partite che restano (3) da qui alla fine per cercare di piazzarci al meglio nella griglia play-off!”

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php