Live Sicilia

Calcio - Serie C

Catania, successo e terzo posto
Battuto 2-1 in rimonta il Bisceglie


Articolo letto 2.193 volte

I rossazzurri tornano alla vittoria, decisive le reti di Di Piazza ed Esposito


CATANIA - Il Catania acciuffa tre punti insperati al termine di una partita che ha messo a nudo, ancora una volta, i limiti della squadra allenata da Walter Novellino che ha rischiato di concedere il bis dopo la debacle interna di mercoledì scorso. I rossazzurri approfittano anche della sorprendente sconfitta casalinga del Catanzaro e si riappropriano del terzo posto in classifica. Privo degli squalificati Marotta e Curiale, con l’acciaccato Biagianti in panchina, il tecnico etneo rinuncia anche a Pisseri e Di Piazza schierando dal primo minuto Bardini in porta, Sarno, Llama, Brodic e Manneh in avanti. Soprattutto il primo si dà un bel da fare ma il portiere pugliese resta inoperoso. E’, invece, il Bisceglie a sfiorare il gol con il gran tiro di Giacomarro che sbatte sul palo interno a portiere battuto. E’, comunque, il preludio al vantaggio ospite, firmato alla mezzora da Longo con una staffilata dalla distanza che Bardini non vede neanche. Palla al centro e Sarno costringe Cerofolini a salvarsi in angolo con un gran colpo di reni. Al rientro negli spogliatoi, i rossazzurri vengono subissati da bordate di fischi provenienti dagli spalti. Nella ripresa, Novellino manda subito in campo Di Piazza con Llama e Lodi che dialogano bene sulla trequarti. Il Bisceglie si affida esclusivamente ad azioni di rimessa ma i rossazzurri stentano ad indirizzare il pallone in porta. Novellino ricorre a tutte le sostituzioni possibili e la scossa, finalmente, arriva. Bucolo, Valeau, Liguori e soprattutto l’esordiente Pecorino suonano la carica ed il Catania attacca a testa bassa. Il pareggio arriva al 36° con Di Piazza che sbatte in rete il cross di Brodic correndo poi, polemicamente, verso la propria panchina. L’incerto arbitro Gariglio non concede la massima punizione per un presunto tocco di braccio all’interno dell’area ospite ma, nel primo dei cinque minuti di recupero accordati, esplode di gioia il “Massimino”: Valeau mette in mezzo un pallone invitante che Pecorino corregge verso il centro con Esposito e irrompe di prepotenza ed insacca il pallone del 2-1. I rosazzurri tornano così alla vittoria, scongiurando la crisi irreversibile. Adesso ci sarà da conservare almeno il terzo posto in ottica play-off e, se possibile, migliorare tale piazzamento.

CATANIA-BISCEGLIE 2–1

CATANIA (4-2-3-1) – Bardini, Calapai, Aya, Esposito, Marchese (dal 22°s.t. Valeau), Rizzo (dal 18°s.t. Bucolo), Lodi (k), Manneh (dal 30°s.t. Liguori), Sarno (dal 1°s.t. Di Piazza), Llama (dal 22°s.t. Pecorino), Brodic.

A disposizione: Pisseri, Lovric, Carriero, Biagianti, Mujkic.

Allenatore: Walter Novellino.

BISCEGLIE (4-5-1) – Cerofolini, Longo, Maccarrone, Markic, Mastrilli (dal 47°s.t. Scalzone), Triarico, Risolo, Parlati (dal 26°s.t. Starita), Giacomarro (k) (dal 40°s.t. Bangu), Giron, Cuppone.

A disposizione: Vassallo, Iacazzi, Calandra, Bottalico, Cuomo, Camporeale, Djolou, Jovanovic, Dellino.

Allenatore: Rodolfo Vanoli.

Arbitro: Matteo Gariglio di Pinerolo.
Assistenti: Riccardo Vitali di Brescia e Massimo Salvalaglio di Legnano.

Reti: 31°p.t. Longo (BI); 36°s.t. Di Piazza (CT); 46°s.t. Esposito (CT).

Ammoniti: Giacomarro (BI); Rizzo (CT); Llama (CT); Esposito (CT); Markic (BI); Mastrilli (BI); Liguori (CT).
Espulsi: //
Diffidati: Bangu, Giacomarro, Giron, Maestrelli, Markic, Parlati, Starita (BI).

Indisponibili: Ciancio, Baraye, Angiulli, Di Grazia (CT).
Squalificati: Curiale, Marotta, Silvestri (CT).

Primo tempo (0-1)

5° colpo di testa di Marchese che sfiora il palo ma era in fuorigioco;
13° Bisceglie vicino al vantaggio: gran tiro di Giacomarro che si stampa sul palo a portiere battuto con il pallone che esce dalla parte opposta!
16° tiro debole di Llama;
20° tiro alto di Parlati;
26° occasione per Cuppone il cui tiro viene deviato in extremis in corner;
27° tiraccio alto di Giron;
28° gran tiro, dalla distanza, di Llama che Cerofolini devia in angolo;
31° Bisceglie in vantaggio: Rizzo perde palla sulla trequarti, Longo dalla distanza spedisce in rete vanificando il tardivo tuffo di Bardini: 0-1 !
33° gran tiro di Sarno e splendida risposta di Cerofolini che alza in corner!
36° sul pallone alzato a campanile dalla difesa ospite, colpo di testa di Aya a lato;
45° il primo tempo si chiude (0-1) con bordate di fischi all’indirizzo dei calciatori rossazzurri che tornano negli spogliatoi a capo chino.

Secondo tempo (2-1)

1° nel Catania, Di Piazza sostituisce Sarno;
1°,30 sul cross di Llama, girata a colpo sicuro di Di Piazza respinta da un difensore;
2° gran botta di Llama, alta di poco;
9° volata di Cuppone che poi tira malamente a lato;
16° Brodic si gira bene ma poi tira malissimo;
18° Di Piazza vanifica una benna iniziativa di Brodic … sbagliando il cross!
18° nel Catania, Bucolo prende il posto di Rizzo;
21° tiraccio inutile di Llama;
22° nel Catania, esordisce il giovane Pecorino al posto di Llama; entra anche Valeau al posto di Marchese;
24° girata di Di Piazza ma… troppo centrale;
25° tiro-cross di Calapai che Cerofolini manda in angolo;
25°,30 sul cross dalla Bandierina, Aya manda fuori di testa;
26° nel Bisceglie, Starita subentra a Parlati;
29° conclusione alta di Lodi;
30° nel Catania, Liguori sostituisce Manneh;
36° pareggio del Catania: azione sulla sinistra di Brodic che mette in mezzo per il Di Piazza che sbatte il pallone in rete… e corre polemicamente verso Novellino! 1-1
38° il Catania reclama inutilmente il penalty per un fallo di mani in area!
40° nel Bisceglie, Bangu sostituisce Giacomarro;
42° Brodic manda fuori di testa;
45° concessi 5 minuti di recupero;
46° Catania in vantaggio: azione confusa in area pugliese con cross di Valeau, sponda di Pecorino e zampata vincente di Esposito a due passi dalla linea di porta: 2-1 !
47° nel Bisceglie, Scalzone sostituisce Mastrilli;
50° finisce con l’insperata vittoria del Catania: 2-1.