Live Sicilia

serie b

Cessione Palermo, nuova deadline
Se ne parla entro fine giugno


Articolo letto 4.400 volte

La nuova data coincide con il rilascio delle licenze per la prossima stagione.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Il cambio di proprietà del Palermo sembra avviarsi verso un nuovo capitolo di questo romanzo, ma non ancora alla soluzione. Dopo l'uscita di scena - abbastanza prevedibile - da parte di Dario Mirri, il quale non sembra essere riuscito a trovare un gruppo in grado di prelevare il club di viale del Fante, oggi si registrano novità che sembrano portare verso lo spostamento del tanto atteso closing. Una parola divenuta ormai familiare tra i tifosi del Palermo, i quali hanno assistito negli ultimi anni a trattative date per concluse ma divenute poi una bolla di sapone facile da far esplodere. Ecco allora che Rino Foschi e soprattutto Daniela De Angeli stiano lavorando per proseguire con soluzioni tampone per i prossimi tre mesi, fino a una nuova data che sarebbe stata fissata nelle ultime ore, cioè quella del 25 giugno, entro la quale il Palermo calcio dovrà passare inevitabilmente in altre mani.

Intanto i prossimi tre giorni saranno decisivi, mentre entro il 18 marzo vanno garantiti gli stipendi ai tesserati per evitare - per la seconda volta nel giro di un mese - ben quattro punti di penalizzazione. In questo senso il Palermo sembra essere tranquillo e stando alle ultime voci che circolano sembra esserci stavolta lo zampino di Maurizio Zamparini. L'ex patron del club rosanero, insieme alla sua famiglia, si sarebbe mobilitata per racimolare i 3,8 milioni di euro necessari per garantire gli emolumenti a giocatori e staff. Una soluzione che sarebbe divenuta inevitabile visti gli ultimi eventi, in particolare l'uscita di scena di Mirri e il fatto che ogni gruppo interessato all'acquisto del Palermo non è passato agli atti pratici per mettervi le mani. In ogni caso, il sospetto che la mano di Zamparini fosse ben presente negli affari di viale del Fante, pur non potendo essere parte attiva a causa del suo status di "uomo già giudicato dalla legge", appare sempre più evidente.

D'altro canto c'è la questione relativa alla cessione del club, e qui torna in auge la data del 25 giugno di cui sopra. In questo senso il Palermo, nelle persone di Foschi e della De Angeli, avrebbe fissato questa nuova deadline che corrisponde anche al giorno in cui vengono rilasciate dalla Figc e dalle leghe di serie A e B le licenze per i club che intendono partecipare ai campionati, i quali hanno poi la successiva scadenza del 30 giugno per presentare la richiesta di iscrizione con tanto di pagamento delle tasse che ne conseguono. Questo spostamento della deadline per il closing rappresenta di fatto una boccata di ossigeno per gli eventuali acquirenti del Palermo, visto che nel frattempo si sarà anche concluso il campionato cadetto e si conoscerà almeno sul campo il destino della formazione guidata da Roberto Stellone. In caso di promozione in serie A, gli attuali debiti contratti dal Palermo sarebbero spazzati via da bonus promozione e diritti TV per la stagione a venire. Quindi quello rosanero diventerebbe all'improvviso un club sano e soprattutto appetibile...

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php