Live Sicilia

Cessione palermo

Preziosi lavora al "Consorzio"
Il collegio sindacale sta con Mirri


Articolo letto 1.963 volte

L'immissione di capitali da parte dell'imprenditore palermitano ha salvato la società dal fallimento

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Il Palermo si è salvato per il rotto della cuffia. Il provvidenziale intervento di Dario Mirri ha evitato il fallimento al club rosanero, con l'immissione di 2,8 milioni. Nel corso della riunione del consiglio di amministrazione dello scorso 27 febbraio, il presidente dimissionario del collegio, il dottor Giuffrida aveva detto che si sarebbe potuta valutare la “presentazione di un’eventuale istanza di fallimento in proprio della società”.

Il nuovo collegio insediatosi dopo la suddetta riunione non ha ascoltato il consiglio del predecessore vista la situazione di continua evoluzione, dando fiducia a Dario Mirri:
 “Non prima della prossima scadenza, quella del 18 marzo, quando già si conoscerà l’esito dell’altro contratto firmato con Mirri (relativo all’opzione d’acquisto delle quote). Si fa riferimento anche a questa possibilità, nel corso della riunione del Cda di fine febbraio. Non solo: Foschi e De Angeli informano i sindaci di essere stati destinatari di svariate manifestazioni di interesse, anche se ad oggi nessuna si è realmente concretizzata“.

Il gruppo capitanato dal patron del Genoa, Enrico Preziosi, continua a lavorare per trovare la soluzione e creare un consorzio che possa rilevare il club in maniera definitiva, ma si potrebbe anche optare per una soluzione temporanea che permetta di finire la stagione che, se dovesse concludersi con la promozione, faciliterebbe di molto la vendita.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php