Live Sicilia

Calcio - Serie C

Catania, l'ennesima farsa
Mercato: Sarno e Palumbo


Articolo letto 1.680 volte

Dopo la pantomima di ieri sera la squadra di Sottil è tornata oggi in campo, attesi nuovi rinforzi


CATANIA - Alla fine è andata come preannunciato: il Matera non si è presentato al “Massimino” e l’arbitro, attesi i previsti 45 minuti, ha sancito la vittoria a tavolino dei rossazzurri che si sono regolarmente presentati, per il riconoscimento pre gara, al direttore di gara. Si è consumata così l’ennesima farsa della serie C ma, più in generale, del calcio italiano, evidentemente ancora non pago della stucchevole pantomima estiva tra mancati ripescaggi e rimpalli di responsabilità varie.

Come se non bastasse, sono arrivate poi anche le dichiarazioni del massimo dirigente materano che, piuttosto che rammaricarsi per la precaria situazione economica in cui versa la sua società, ha lanciato invettive per il mancato rinvio della partita in programma ieri sera e mai disputata. Ci sarebbe da chiedersi perché il presidente della squadra ospite ha chiesto il rinvio proprio di Catania-Matera mentre ha recentemente mandato in campo i ragazzini delle squadre giovanili quando c’era da affrontare altri avversari che hanno seppellito di reti gli acerbi giovanotti lucani. Si, la serie C è anche questa: motivo di più per lottare con tutte le forze possibili per puntare con rinnovato vigore alla promozione in serie B, dalla porta se possibile o anche dalla finestra (leggasi play-off).

Oggi Sottil ed i suoi sono tornati ad allenarsi a Torre del Grifo per preparare al meglio la sfida casalinga contro il Rende in programma domenica prossima. Nel frattempo, si attendono gli arrivi di Sarno (imminente?) e Palumbo, due elementi che potrebbero contribuire ad elevare il tasso tecnico complessivo della formazione rossazzurra. Resta da capire, poi, quali saranno i movimenti in uscita, tenendo in considerazione la nuova composizione della lista “over”. A tal proposito, Scaglia sembra interessare alla Sicula Leonzio e Vassallo potrebbe trovare sistemazione nel girone settentrionale. Ieri la capolista Juve Stabia ha pareggiato a Potenza e non sono andati oltre la parità anche Trapani e Catanzaro. La lotta promozione resta, dunque, ancora aperta. Sperare, a 10 punti dalla vetta e con una partita da recuperare, non costa nulla. L’importante è crederci e limitare al minimo il margine d’errore.


/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php