Live Sicilia

il comunicato

Allarme Palermo al Vertice:
"Impianti al collasso"


Articolo letto 1.464 volte

Il consorzio denuncia la cattiva condotta del Comune per palasport, velodromo e piscina.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del consorzio "Palermo al Vertice", relativamente alla gestione degli impianti sportivi del capoluogo siciliano: "C’è grave preoccupazione tra le società sportive di vertice palermitane. A tenere banco al momento è la questione degli straordinari e delle indennità aggiuntive agli stipendi dei dipendenti comunali, compresi quelli di coloro che lavorano negli impianti sportivi. Tuttavia, le problematiche legate allo sport cittadino non si fermano certo qui. È lo stato di salute degli stessi palazzetti, a cominciare dal PalaMangano, dal PalaOreto e dalla Piscina Olimpica di viale del Fante che preoccupa, con gli ultimi mesi che hanno fatto registrare un improvviso calo dell’attenzione per la manutenzione ordinaria delle strutture a gestione comunale".

"Basti pensare che nel palazzetto di Via Ugo Perricone Engel - prosegue la nota - , dedicato al basket, ci si allena e si giocano partite di campionato senza riscaldamento e con diversi fari spenti. Situazione analoga in via Santa Maria di Gesù, con le squadre di pallavolo costrette ad allenarsi al freddo e senza poter usufruire delle docce degli spogliatoi a causa di un guasto alle caldaie. Più di due volte a settimana, a queste condizioni, non ci si può allenare e, per questo, i dirigenti sono costretti a chiedere asilo a quelle poche palestre cittadine, che in ogni caso non hanno le caratteristiche tecniche per poter ospitare una disciplina a livello nazionale. In Piscina le cose non vanno molto meglio, con le società e il pubblico costretti ad allenarsi a singhiozzo a causa dell’agitazione dei dipendenti, preoccupati per la questione dei turni straordinari, e con all’orizzonte le vicine scadenze dei certificati degli assistenti ai bagnanti".

"L’incognita, per tutti, è la questione degli straordinari e delle indennità aggiuntive dei dipendenti comunali, con la necessità di prevedere il prima possibile un contratto ad hoc per coloro che sono dedicati agli impianti sportivi che tenga conto dell’importanza di tenere aperti i medesimi impianti nei fine settimana, per permettere alle squadre, di vertice e non, di giocare le partite dei rispettivi campionati. Un discorso a parte merita il Velodromo, con l’ennesimo slittamento della riapertura dell’impianto dedicato a Paolo Borsellino, che – inizialmente prevista per l’inizio dell’estate 2018 – con ogni probabilità non avverrà prima della primavera inoltrata del 2019. Ciò non permette ai dirigenti sportivi di fare una corretta programmazione per la corrente e per la prossima stagione agonistica".

"Questo atteggiamento da parte dell’Amministrazione Comunale – sottolinea il Presidente del Consorzio Palermo al Vertice, Giorgio Locanto – è in netto contrasto con gli sforzi di impegno dal punto di vista delle risorse che le squadre di vertice mettono in campo per sostenere campionati nazionali nelle serie maggiori. Siamo disponibili – aggiunge – a fornire una consulenza tecnica e operativa su problematiche che non possono più attendere e che non possono più essere disattese, pena la morte di uno dei comparti che dà più lustro alla città. A tal fine, sollecitiamo il Sindaco e tutta ’Amministrazione Comunale a prendere provvedimenti entro il mese di gennaio, per permettere alle società di mantenere gli impegni presi con le rispettive Federazioni nei propri campionati".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php