Live Sicilia

basket - serie a2

Orlandina, il bilancio di Sindoni:
"Un buon ruolino di marcia"


Articolo letto 321 volte

Parla il direttore dell'area Sport e Sviluppo dei paladini dopo la fine del girone di andata.

VOTA
0/5
0 voti

CAPO D'ORLANDO (MESSINA) - Peppe Sindoni fa un bilancio della stagione dell'Orlandina Basket, quando siamo arrivati al giro di boa del campionato. Quinta posizione nel girone Ovest di serie A2 per la formazione allenata da Marco Sodini, che viene da un ottimo momento di forma con quattro vittorie nelle ultime cinque giornate, ma che paga anche un inizio balbettante che è costato la mancata qualificazione alla Final Eight di coppa Italia. Sindoni, dall'alto del ruolo di Direttore dell'Area Sport e Sviluppo, dice la sua: "Portiamo avanti strategie e idee del club, vogliamo che la gente sia consapevole dei nostri obiettivi. A me piace poco parlare in termini di vittorie, soprattutto con un numero così basso di partite giocate, ma la squadra sta esprimendo una pallacanestro gradevole e gioca ad alto livello con tutte. Stiamo tenendo un buon ruolino di marcia, sappiamo che potevamo fare di meglio anche se abbiamo perso alcune partite in maniera particolare".

Dunque l'Orlandina Basket ha chiuso il girone di andata con nove vittorie ma anche con la consapevolezza di poter ripartire ad alte velocità nel girone di ritorno. Sindoni, in questo senso, invita anche il pubblico a fare la sua parte: "L'anno si è chiuso con un segnale, ovvero che in casa siamo tutti protagonisti del nostro destino. Se tutti riusciamo a serrare le maglie del nostro palazzetto, possiamo fare ancora meglio davanti al nostro pubblico". A spiccare in questo avvio di stagione, tra gli altri, c'è Jordan Parks. Grande uomo squadra ma quest'anno fortissimo in fase realizzativa, l'americano sta stupendo tutti e anche Sindoni sottolinea l'ottima prima parte di stagione dell'ex triestino: "Credevamo in Parks, dal punto di vista realizzativo sta vivendo una stagione clamorosa e non era del tutto preventivabile. È sempre stato un grande uomo squadra, ma sta avendo un rendimento offensivo clamoroso e ha una grande presenza in termini di gruppo".

C'era grande curiosità per i tanti giovani che compongono il roster dell'Orlandina Basket. Gente come Laganà, Murabito, Donda e Mobio stanno facendo vedere cose importanti alla loro prima vera stagione di rilievo in un campionato così difficile come la serie A2. Sindoni prova sempre a non esporli più di tanto, considerando la loro giovane età e la necessità di lavorare e crescere ancora tanto: "Esistono processo di crescita, questa è una squadra che sta lottando per il campionato e ha lottato per andare in coppa Italia. Siamo contenti perchè i giovani stanno prendendosi spazio e responsabilità (non troppe) in una squadra che sta vincendo. Quindi nell'ottica di avere un piano di sviluppo pluriennale è fondamentale che questi ragazzi crescano in un progetto vincente, in modo da avere sempre più spazio e responsabilità ma avere già la mentalità vincente".

Diventa inevitabile, nonostante siamo ancora a metà della stagione, parlare anche di mercato. In serie A2 accade spesso che le formazioni che partecipano ai playoff con legittime ambizioni di promozione attingano anche da formazioni della massima serie senza più ambizioni o pretese di risultati per rafforzare ulteriormente i propri roster. Sindoni, in tal senso, parla così: "Il mercato non finisce d'estate, prosegue sempre e il mercato estivo che ci ha portato ad avere questa squadra non è un'entità differente da quello che affrontiamo oggi. Il mercato durante la stagione non segue logiche diverse da quello estivo. Oggi ci sono tante squadre in A e A2 ma pochi giocatori italiani. Se oggi la scelta vincente è stata quella di puntare su giovani giocatori, e non mi riferisco tanto a Donda e Laganà che avevamo già in casa, in una situazione difficile come quella del basket italiano bisogna fare delle scelte rischiose. A novembre abbiamo rifiutato un offerta per Bruttini dalla serie A".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php