Live Sicilia

CALCIO - SERIE B

Palermo, tentativo per bloccare i big
Rispoli-Aleesami, proposto rinnovo


Articolo letto 1.464 volte

Per trattenere le i due terzini in scadenza il club rosanero avrebbe proposto la formula del rinnovo biennale a fine stagione in caso di promozione. 

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Un estremo tentativo per evitare di modificare un delicato equilibrio e spezzare la serenità di un gruppo che fino ad ora ha dominato il campionato di serie B con qualità e personalità. Il Palermo in questa sessione di mercato non ha nascosto la propria volontà di mantenere quante più pedine fondamentali possibili o, nel caso di una loro cessione, al massimo agire per rimpiazzare degnamente chi deciderà di lasciare la Sicilia vista la particolare situazione contrattuale di qualche elemento attualmente in rosa. E' il caso di Andrea Rispoli e Haitam Aleesami che con il proprio contratto in scadenza a giugno 2019 si trovano ad un bivio da dover affrontare: lasciare il rosanero per abbracciare una nuova esperienza in serie A (Parma e Bologna sarebbero interessate al terzino campano) o all'estero (per il norvegese c'è l'ipotesi Turchia) o al contrario portare a conclusione la missione di riportare il Palermo in serie A.

Nel caso in cui i due terzini, fondamentali per il tecnico Stellone in questa prima parte di stagione, dovessero optare per l'eventualità di una permanenza in rosnaero la società avrebbe dunque pensato ad un incentivo per spostare il peso della bilancia proprio su quest'ultima scelta. Non un rinnovo immediato ma a fine stagione e legato indissolubilmente al risultato sportivo conseguito che non può ovviamente prescindere dalla promozione nella massima serie, base da cui la nuova proprietà inglese ha in programma di ripartire per attuare il piano di rilancio del club. Un contratto biennale, con adeguamento dell'ingaggio, così come già proposto e accettato da Mato Jajalo a cui addirittura si potrebbe prospettare un futuro da dirigente all'interno della società di viale del Fante.

La palla adesso passa ai calciatori e i loro uomini mercato che nel caso dovessero trovare soluzioni migliori non troverebbero alcun ostacolo nel Palermo, così come ammesso a più riprese dal direttore dell'area tecnica rosanero Rino Foschi che ha sempre ritenuto Rispoli e Aleesami liberi di scegliere il meglio per loro. E' ovvio che nel caso di un addio da parte di uno solo dei due o di entrambi lo stesso Foschi non rimarrà a guardare ma si muoverà con attenzione sul mercato per trovare degni sostituti. La speranza ovviamente è quella di mantenere tutti i titolari, per affrontare con serenità anche un girone di ritorno che si preannuncia caldissimo, e magari provare a piazzare qualche correttivo se il mercato offre l'occasione.

In uscita di sicuro nel frattempo ci sono i due difensori centrali Accardi e Ingegneri. Foschi ha parlato chiaramente dei due giovani come di elementi da cedere entrambi a squadre di serie C (l'ex Pordenone a titolo definitivo mentre il palermitano in prestito anche in qualche squadra di B) per fare spazio in un reparto che ha già perso Struna ma che risulta comunque affollato. Passo indietro invece per le cessioni, sempre in prestito, di Fiordilino e Embalo con la società che considera entrambi importanti per consentire al tecnico Stellone di avere alternative in caso di infortuni o squalifiche. Chi è quasi certo di lasciare, almeno fino a fine stagione la Sicilia, è Lo Faso con il Livorno dell'ex Diamanti che è sempre pronto ad accogliere il talento ancora inespresso dell'ex Primavera rosanero.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php