Live Sicilia

serie c

Sicula Leonzio, Torrente protesta:
"Rigore regalato alla Viterbese"


Articolo letto 534 volte

Il tecnico bianconero commenta la gara persa in casa contro i laziali.

VOTA
0/5
0 voti

LENTINI (SIRACUSA) - Tarda ancora ad arrivare la prima vittoria per Vincenzo Torrente sulla panchina della Sicula Leonzio. La formazione bianconera, nell'ultima gara del 2018, si è arresa davanti al proprio pubblico a un'ottima Viterbese, capace di reggere l'urto nel primo tempo e di infliggere nella ripresa i due colpi da ko ai padroni di casa. Torrente, dal canto suo, ha dovuto commentare una prestazione non troppo convincente della Sicula Leonzio, almeno sul piano della costruzione e della grinta: "Questa squadra ha reagito nelle gare precedenti, in particolare a Caserta. Abbiamo affrontato una squadra forte, e alla vigilia lo sapevamo. La Viterbese non aveva bisogno di regali come il rigore che ha condizionato la partita. Nel primo tempo c'è stato equilibrio, come si vede in questa categoria, ma il rigore ha sicuramente condizionato tutto. La squadra ha cercato di reagire, ho provato a cambiare qualcosa sul piano tattico ma il secondo gol ci ha tagliato le gambe".

Dunque Torrente sottolinea che l'episodio del rigore concesso alla Viterbese potrebbe aver condizionato in maniera netta la partita. Sta di fatto che il tecnico della Sicula Leonzio ha posto l'accento anche sulle tante assenze che hanno afflitto la formazione bianconera nella sfida contro i laziali di mister Sottili, visto che non erano pochi i giocatori indisponibili tra le fila bianconere: "Non dobbiamo dimenticare che a questa squadra mancavano degli elementi importantissimi rispetto alla Viterbese. In queste tre partite abbiamo beccato tre squadre di vertice e sono arrivati due pareggi e una sconfitta condizionata da un regalo alla Viterbese, che non ne ha bisogno vista la sua forza. Non posso però rimproverare niente sotto l'aspetto dell'impegno e della determinazione. Sono qui da quindici giorni, c'è da lavorare e da recuperare giocatori importanti che sono fuori, ci vuole un po' di tempo per assimilare tutto".

In ogni caso, Torrente ci tiene a sottolineare la forza e gli aspetti in cui la Viterbese era già sulla carta superiore alla Sicula Leonzio. Una squadra forte fisicamente e ben messa in campo da Stefano Sottili, ma che secondo il tecnico bianconero è riuscita a prevalere in una gara equilibrata è riuscita a prevalere solo grazie al calcio di rigore ottenuto a inizio ripresa: "Non è semplice giocare ogni tre giorni, avevamo di fronte una squadra molto forte fisicamente e non era facile superarla sia in fase difensiva che in mezzo al campo. Loro si difendono bene e con ordine, per poi ripartire in contropiede, ma tutto è successo dopo l'episodio del rigore. La squadra ha avuto una reazione, ma avevamo di fronte una squadra forte sia tecnicamente che fisicamente".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php