Live Sicilia

serie c

Trapani, Italiano è euforico:
"Battuta la squadra più forte"


Articolo letto 1.303 volte

Il tecnico granata è soddisfatto per il successo in rimonta contro il Catanzaro.

VOTA
0/5
0 voti

TRAPANI - Il Trapani sembra aver nuovamente ingranato le marce giuste, e lo dimostra la vittoria ottenuta al "Provinciale" contro il Catanzaro nel giorno di Santo Stefano. Una vittoria cercata e voluta nonostante episodi negativi, come l'iniziale vantaggio degli ospiti con Kanoute e il rigore fallito da Evacuo pochi minuti dopo. E Vincenzo Italiano, nel post-partita, parla di grande soddisfazione per aver visto il suo Trapani reagire da grande squadra e ribaltare il risultato: "C'è grande soddisfazione perchè abbiamo vinto due volte. La prima perchè c'eravamo ripromessi di non soffrire e non subire com'è successo con il Rende. La seconda perchè siamo riusciti a portare a casa i tre punti in rimonta. Ci sono stati degli episodi che ci sono andati contro, altri sono andati per il verso giusto. Potevamo sfruttare meglio alcune situazioni ma non abbiamo concesso quasi niente a una squadra che gioca bene contro tutti. Per noi è una grandissima vittoria".

Ancora una volta Italiano si è ritrovato a fare degli esperimenti inevitabili per riuscire a schierare una formazione propositiva che non risentisse dell'emergenza infortuni. Taugordeau è tornato in difesa per poi salire a centrocampo ed è stato decisivo con il gol, ma più in generale si è visto un Trapani ben messo in campo con una squadra di fronte, il Catanzaro di Auteri, che è abituato a giocare bene al calcio e a creare tante palle gol. Cosa che non è successa al "Provinciale", come sottolinea Italiano: "Ho visto un Trapani aggressivo che sapeva di affrontare una squadra tra le più forti per organizzazione di gioco e interpreti, nel nostro girone. Riuscire a concedere solo un rigore a una squadra del genere, è sintomo di una squadra concentrata. Stiamo trovando anche qualche gol su palla inattiva con tiratori che dobbiamo sfruttare, e alla fine loro non hanno più tirato in porta, il gol di Pagliarulo ci premia in maniera importante. La vittoria per noi ci può stare".

In casa Trapani ci si gode una squadra in cui tutti sono utili, anche chi entra a gara in corso. E da parte di Italiano viene fuori l'orgoglio nell'aver costruito e plasmato una squadra che gettasse il cuore oltre l'ostacolo, anche contro squadre sulla carta più forti: "Tutti quando entrano danno l'anima, finalmente mi sento di dire di aver visto un grandissimo Nzola. Ci stiamo lavorando, lui deve mettersi a disposizione e ha risposto benissimo. Il cuore, l'attaccamento alla maglia e il senso di appartenenza che si stanno vedendo devono essere la base. Ad agosto non avevamo il portiere, e oggi ci ritroviamo a battere la squadra che gioca meglio al calcio. Per me è un grandissimo motivo di orgoglio". Si chiude parlando del rigore fallito da Evacuo nel primo tempo, con Italiano che ci scherza su: "Evacuo mi ha chiesto se ce l'ha con me perchè aveva segnato 50 rigori consecutivi prima di venire a Trapani (sorride, ndr). Come ho detto dopo Catania non c'è una lista, batte il rigore chi se la sente. Non dirò mai a Evacuo di non calciare".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php