Live Sicilia

calcio

Football Leaks, coinvolto Mancini?
Spunta un accredito milionario


Articolo letto 1.397 volte

Il commissario tecnico dell'Italia coinvolto nel nuovo scandalo.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - "Il 25 marzo 2011 l’Al Jazira riceve una fattura di 1,8 milioni di sterline da saldare su un conto corrente della Banca Popolare di Ancona. A inviarla è la Sparkleglow Holdings Ltd, impresa basata nel paradiso fiscale di Mauritius. La fattura rivela però informazioni utili a capire chi si nasconde dietro la scatola offshore. La richiesta di pagamento si basa infatti su un “contratto di consulenza” tra Al Jazira e Sparkleglow. Contratto che prevede non meglio specificate “attività eseguite da Mr. Roberto Mancini”. Questo è quanto si legge stamani sul quotidiano L'Espresso, che parla di un episodio dell'inchiesta Football Leaks che coinvolge, a quanto pare, anche il commissario tecnico della Nazionale italiana.

"Dieci giorni dopo la fattura da 1,8 milioni di sterline, Al Jazira riceve un’altra richiesta di pagamento da parte della Sparkleglow. Questa volta il bonifico, da accreditare sempre sullo stesso conto corrente italiano e con le medesime motivazioni, è da 437,5 mila sterline. A saldare le fatture non sarà però il piccolo club di Abu Dhabi ma il Manchester City, che effettuerà i pagamenti attraverso la Barclays. Secondo i documenti di Football Leaks, ci sarebbero altri pagamenti, attraverso non più la Sparkleglow ma la Italy International Services, creata nel gennaio 2011 e “intestata alla fiduciaria Fidor, rappresentata dall’avvocato Silvia Fortini, da qualche mese moglie di Mancini”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php