Live Sicilia

calcio - serie b

Iachini: "Palermo nel mio cuore
Ecco le rivali per la promozione"


Articolo letto 2.072 volte

(dal nostro inviato) - Le dichiarazioni dell'ex tecnico rosanero, che parla anche di Dybala e La Gumina.


PALERMO - Beppe Iachini non dimentica Palermo e il Palermo. Ospite della Conference 403 svoltasi presso i locali della Marsa, l'ex allenatore della formazione rosanero ha parlato di ciò che serve alla squadra per risalire in serie A, parlando anche del nuovo avvicendamento in panchina tra Bruno Tedino e Roberto Stellone: "Il Palermo è una squadra ben attrezzata per poter lottare per vincere il campionato. Lo farà e lotterà per raggiungere questo obiettivo. Stellone? Non vivendo le situazioni dall'interno non posso commentare. Quando c'è un allontanamento di un allenatore dispiace sempre, perchè vuol dire che qualcosa non ha funzionato. Stellone conosce già il Palermo perchè è già stato qui. C'è ancora da lavorare per trovare l'alchimia giusta, l'organizzazione giusta e la mentalità giusta, quelle cose che noi allenatori ricerchiamo ovunque alleniamo per trovare risultati e possibilmente fare un buon gioco. Palermo è sempre nel mio cuore, tornare qui è come tornare a casa. Qui ho lavorato molto bene".

Si parla anche di singoli, in particolare quelli che hanno lasciato Palermo e il Palermo per lanciarsi definitivamente nell'elite del calcio italiano e internazionale. È il caso, tra gli altri, di Paulo Dybala, giocatore che proprio Iachini ha lanciato nel campionato di serie B vinto dai rosa sotto la sua guida, prima di esplodere nella sua unica annata in rosanero nella massima serie A, quando ha incantato al fianco di Franco Vazquez: "Paulo ha bisogno di trovare una condizione fisica ottimale. Dopo un mondiale tutto hanno difficoltà perché non fanno la preparazione con la squadra. Ha bisogno di tempo. È un giocatore che può convivere con tutti, non solo con Cristiano Ronaldo. Può interpretare tanti ruoli con efficacia. Negli anni passati ha fatto cose straordinarie. Non se a fine stagione andrà via, lui può giocare in tutti i campionati".

E poi c'è un altro giocatore che Iachini ha fatto debuttare sempre in serie A con la maglia del Palermo, e che nelle stagioni successive ha provato a sfondare anche in rosanero, prima del trasferimento tra le fila dell'Empoli. Parliamo di Nino La Gumina, centravanti nativo propio del capoluogo siciliano e che nella passata stagione, terminata con l'amara finale playoff di Frosinone, ha fatto già vedere delle doti importanti: "Io l’ho fatto esordire contro il Milan. Baccin e Bosi hanno lavorato molto con lui. Quando l’ho visto ho capito che poteva avere delle abilità, mi era già successo con Eder e Icardi, ma anche con Belotti. Già quando ero qui faceva intravedere le sue doti".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php