Live Sicilia

Palermo, mercato senza botti finali
Ecco la rosa per puntare alla A


Articolo letto 7.399 volte

Nessun movimento nella giornata conclusiva del calciomercato. Ecco il gruppo ed il modulo con cui Tedino proverà a centrare la promozione.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Chi si aspettava una giornata conclusiva del mercato coi botti è ovviamente rimasto con l'amaro in bocca. Nessun acquisto, nè tantomeno le tante citate cessioni che avrebbe alleggerito il monte ingaggi, con il Palermo si appresta dunque ad affrontate il suo secondo campionato di serie B consecutivo con quasi la stessa rosa con cui ha concluso l'ultima stagione sfiorando la promozione in A prima nella regular season e poi nella finale play off persa fra le polemiche contro il Frosinone. Si ripartirà da Bruno Tedino, tecnico richiamato in panchina dopo l'esonero nel finale della passata stagione, che avrà l'arduo compito di riprovarci dopo un primo anno d'esperienza già messo da parte per provare a fare decisamente meglio senza quelle battute d'arresto che costarono le prime posizioni ai rosa nella fase clou del campionato.

Si riparte da un mix di giovani ed esperienza con il mercato, tornato ad essere gestito da Rino Foschi, che ha portato in Sicilia una serie di interessanti elementi (Brignoli, Salvi, Haas, Puscas, Falletti) che proveranno ad integrarsi con i cosiddetti senatori del gruppo (Pomini, Bellusci, Struna, Rajkovic, Rispoli, Jajalo, Nestorovski) con l'incognità del mercato aperto ancora in tanti altri paesi europei che potrebbe ridisegnare ulteriormente la rosa attuale con delle cessioni in extremis.

La delusione per il mancato arrivo nelle battute finali del talento scuola Juventus Luca Clemenza, con il direttore dell'area tecnica rosanero furente con il collega bianconero Cherubini (vice ds della Juve, ndr) per aver fatto saltare una trattativa già intavolata, fa il paio con le cessioni saltate dei vari Rispoli, Jajalo e Nestorovski (accordi con Parma e Udinese non raggiunti) anche se il club di viale del Fante con l'attuale rosa, al netto degli ingaggi che andranno ridiscussi con molti elementi, può sicuramente inserirsi nella griglia delle migliori per ambire ad un posto nella prossima serie A.

GLI ACQUISTI - 6  Nell'ultima settimana di mercato Foschi ha accelerato strappando alla concorrenza due talenti per la serie B come l'attaccante rumeno Puscas (acquisto a titolo definitivo dall'Inter per 3,3 milioni) ed il trequartista Falletti dal Bologna (prestito con diritto di riscatto). Buoni anche gli arrivi in porta di Brignoli e gli innesti in difesa di Mazzotta e Salvi (da verificare l'eventuale permanenza di Aleesami e Rispoli, ndr). Haas dall'Atalanta buon vice Jajalo. Rimpianti per Dawidowicz, soffiato dall'Hellas Verona, e ovviamente il già citato Clemenza.

Tutti gli acquisti: Moreo (A, Venezia, riscatto obbligatorio), Bentivegna (A, Carrarese, fine prestito), Alastra (P, Prato, fine prestito), Embalo (A, Brescia, fine prestito), Pirrello (D, Livorno, fine prestito), Lo Faso (A, Fiorentina, fine prestito), Mazzotta (D, svincolato), Salvi (D, Cittadella), Brignoli (P, Juventus), Haas (C, Atalanta), Puscas (A, Inter), Falletti (C, Bologna).

LE CESSIONI - 6,5 Aver piazzato La Gumina all'Empoli, Coronado agli arabi dello Sharjah e Gnahorè ai francesi dell'Amiens, racimolando complessivamente quasi 18 milioni di euro, non è cosa semplice di questi tempi dunque tanto di cappello a Foschi che ci è riuscito rimpiazzando i tre giocatori con innesti quasi di pari livello. Ci si aspettava decisamente qualcosa in più nel finale ma molti dei club interessati, come ammesso dallo stesso ds rosanero, erano più alla ricerca di articoli in saldo.

Tutte le cessioni: Dawidowicz (D, Benfica, fine prestito), Rolando (C, Sampdoria, fine prestito), La Gumina (A, Empoli), Coronado (A, Sharjah Dubai), Gnahoré (C, Amiens), Ambro (D, Feralpi Salò), Setola (D, Fano), Posavec (P, Hajduk Spalato), Petermann (D, Reggina), Toscano (C, Trapani), Tafa (D, Cuneo), Giuliano (D, Pro Piacenza), Da Graca (A, Juventus), Quaranta (D, Foggia). Svincolati: Morganella, Maniero (P, Cittadella), 

IL MODULO Tedino ripartirà dalla prima giornata di campionato contro la Salernitana con lo stesso schieramento utilizzato lungo tutta la fase di preparazione. Un 4-3-1-2 in cui la coppia di centrali sarà composta da Bellusci e Rajkovic, ed i terzini Salvi e Mazzotta si giocheranno un posto da titolare in caso di permanenza di Aleesami e Rispoli. A centrocampo, con Jajalo ancora una volta chiamato a guidare la squadra in cabina di regia, giocheranno Fiordilino e Murawski con Chochev e Haas pronti a guadagnarsi una maglia da titolare. Nella trequarti il ballottaggio vede Trajkovski partire dietro il neo arrivato Falletti che proverà a far dimenticare in fretta Coronado. Coppia d'attacco fra le più complete del campionato infine composta da Nestorovski e Puscas.

La probabile formazione: Brignoli; Salvi, Bellusci, Rajkovic, Mazzotta; Fiordilino, Jajalo (Haas), Murawski; Falletti (Trajkovski); Puscas, Nestorovski . All. Tedino.

LA ROSA 2018/2019

Portieri: Alastra, Marson, Pomini, Brignoli.

Difensori: Rajkovic, Accardi, Aleesami, Rispoli, Struna, Ingegneri, Bellusci, Szyminski, Pirrello, Gallo, Fiore, Mazzotta, Salvi.

Centrocampisti: Jajalo, Fiordilino, Chochev, Santoro, Murawski, Haas.

Attaccanti: Trajkovski, Nestorovski, Balogh, Embalo, Lo Faso, Moreo, Puscas, Falletti.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php