Live Sicilia

calcio - serie b

Caso Parma, il giorno del giudizio
Grande attesa per il primo grado


Articolo letto 3.645 volte

Da scoprire l'entità della pena ai ducali e soprattutto il campionato in cui verrà scontata.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Quello appena iniziato potrebbe profilarsi come un giorno decisivo per le sorti del Palermo calcio, soprattutto sul piano giudiziario. Con ogni probabilità, infatti, il club di viale del Fante conoscerà nella gionata odierna il proprio campionato di appartenenza per la stagione 2018/2019. Alle viste c'è una serie B ancora da disputare e per la quale il tecnico Bruno Tedino e i suoi giocatori si stanno preparando da poco più di una settimane in quel di Sappada. Dietro l'angolo, però, c'è la possibilità di una promozione in serie A sfumata sul campo in quel di Frosinone tra topiche arbitrali e palloni lanciati in campo, ma che potrebbe tornare di stretta attualità grazie alla situazione del Parma. E la sentenza di primo grado relativo al match tra lo Spezia e i ducali darà un'ottima linea guida.

Le richieste arrivate la scorsa settimana dagli inquirenti del Tribunale della FIGC sono state chiare, e sono pronte a colpire il Parma e quello del tesserato ritenuto il principale responsabile dell'illecito, ovvero Emanuele Calaiò. Il centravanti nativo proprio del Palermo si è reso protagonista, insieme al compagno di reparto in gialloblu Fabio Ceravolo, è stato al centro di uno scambio di messaggi su Whatsapp con Filippo Da Col e Alberto Masi, due giocatori della formazione ligure. A tal proposito, per via della responsabilità oggttiva personale e del suo club di appartenenza, per Calaiò è stata richiesta una sanzione pari a quattro anni e mezzo di squalifica. Ma la richiesta più importante è quella relativa al Parma: due punti da togliere dalla classifica dello scorso campionato di serie B, oppure sei punti da togliere dal prossimo campionato di A.

Quest'ultimo caso è quello che farebbe andare su tutte le furie il Palermo, visto che il club di viale del Fante spinge per la soluzione relativa al -2 in classifica nella scorsa cadetteria. Anzi il patron Zamparini avrebbe ritenuto più opportuno togliere tutti e tre i punti che il Parma ha ottenuto vincendo per 2-0 sul campo del "Picco" di La Spezia, considerando che la vittoria dei ducali avrebbe avuto una certa influenza in ciò che è successo prima, e che è finito sotto processo sportivo. Difficile credere che non verrà comminata alcuna sanzione in termini di punti di penalizzazione, anche se il buon senso lascerebbe presagire in un declassamento della formazione di mister D'Aversa al quarto posto, con conseguente avanzamento di un Palermo che a quel punto si godrebbe la promozione.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php