Live Sicilia

volley

Messaggerie, Pricoco resta:
"Impariamo dagli errori"


Articolo letto 385 volte

Conferma importante per il club etneo, chiamato a conquistare la salvezza in A2.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - E’ uno di quelli che la serie A catanese l’ha conquistata e, per Francesco Pricoco, quella che sta per iniziare con il Campionato di Seria A Credem Banca 18/19, sarà un’altra stagione da non dimenticare, sempre indossando la maglia di Messaggerie Bacco Catania. Rimane dunque rossazzurro e lo farà ufficialmente e da titolare nel ruolo di libero, grazie alla preparazione dello scorso anno. Un impegno nuovo che, a differenza della passata stagione, sarà costante. Pricoco infatti, nel primo anno di Serie A, si era messo a servizio della squadra rivestendo i ruoli necessari, alternandosi con il numero 10, il capitano e libero Emanuele Spampinato, soprattutto nell’ultima fase. “Raccogliere l’eredità di Emi è importante - è il primo commento di Pricoco - Quest’anno sono cresciuto facendo della sua esperienza e dei suoi insegnamenti la mia scuola. Adesso sono pronto a mettere in pratica quello che ho imparato e dovrò dimostrare alla Società di essere all’altezza dell’opportunità che mi sta dando”.

In questi giorni Pricoco ha già ripreso con gli allenamenti, sempre tenendo ben saldo l’obiettivo della laurea in medicina. Ma fin dalla fine del campionato non è rimasto con le mani in mano e, con il Cus Catania, ho partecipato ai campionati Universitari Nazionali guadagnando una medaglia d’argento. Adesso però è ora di concentrarsi sull’obiettivo stagionale, spiega Pricoco: “Voglio arrivare pronto ad inizio anno e l’obiettivo è quello di colmare alcune lacune tecniche, in anticipo rispetto all’inizio ufficiale degli allenamenti quando la squadra sarà al completo”. Le aspettative sono alte: “L’anno scorso ci ha lasciato grandi insegnamenti, non siamo stati di certo aiutati dalla fortuna, ma non siamo stati bravi a sfruttare alcuni momenti della stagione in cui avremmo dovuto chiudere il discorso salvezza. Adesso dovremo ingranare fin da subito e per questo servirà una squadra lavoratrice e pronta a sgobbare. Io sono pronto”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php