Live Sicilia

calcio - serie c

Cutrufo e il nuovo Siracusa:
"Ci salveremo e faremo bel calcio"


Articolo letto 1.859 volte

Il patron dei Leoni aretusei volge lo sguardo alla prossima stagione.

VOTA
0/5
0 voti

SIRACUSA - Nuovo corso in casa Siracusa, ma sempre con la solita certezza, ovvero la presenza di Gaetano Cutrufo. Il patron del club aretuseo dovrà ripartire dopo l'addio di Paolo Bianco e con una situazione finanziaria non facile, ma ai colleghi di Goalsicilia confida ambizioni e buone intenzioni: "Da solo non posso fare una squadra per vincere il campionato, ma questo credo di averlo già reso abbondantemente chiaro in passato e spero che la mia schiettezza sia apprezzata. Altrettanto certamente ti dico che faremo un campionato più che dignitoso. Ho l’obiettivo di mantenere la categoria. Nuovo tecnico? Stiamo valutando. Posso dire che è un tecnico giovane che ha tanta fame e voglia di fare bene. Penso che questa settimana, o al massimo entro 7 giorni, lo annunceremo. Non posso dire assolutamente nient’altro. Chiederò la salvezza con largo anticipo. In più vorrei che facesse esprimere alla squadra un calcio offensivo, in modo tale che i nostri tifosi andando allo stadio si divertano. Anche perché ti dico sinceramente che nell’ultima stagione mi sono divertito poco".

Cutrufo ha cercato anche di valutare l'ipotesi di cedere il Siracusa, o comunque di aprire a nuovi investitori, ma di fatto non si è mosso nulla nonostante i suoi continui appelli: "Come in passato, purtroppo, non è arrivato nessuno. Qualche contatto c’è stato, oltre a quelli ampiamente resi pubblici, ma nel senso di avvicinamenti e domande, zero proposte concrete". Si parla anche di mercato, tra giocatori che verranno confermati a Siracusa e altri che ne dovranno arrivare per rinforzare la squadra: "Oltre a quelli che abbiamo già sotto contratto, come ben sapete sicuramente rinnoveremo con Spinelli e Giordano che sono due bandiere. Per il resto presumo che la squadra sia totalmente rinnovata. Richieste in entrata? Mi piacerebbe, nei limiti del possibile, che la squadra giocasse con i tre fantasisti dietro la punta. È un modulo che mi piace e che in passato ci ha fatto vedere un bel gioco".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php