Live Sicilia

calcio - serie d

Messina, si va verso la fusione
Unico club col Città di Messina?


Articolo letto 1.097 volte

Il club di Sciotto starebbe valutando di unire gli sforzi con la compagine neopromossa tra i dilettanti.

VOTA
0/5
0 voti

MESSINA - Un unico grande club che potrebbe racchiudere tutti gli sforzi di una città intera. Il Messina e il Città di Messina potrebbero presto diventare una cosa sola, dopo che quest'ultima squadra è riuscita a raggiungere un traguardo storico: la promozione in serie D, andando ad agganciare la storica formazione peloritana. Se ne parla proprio nel giorno in cui si celebra l'ultima storica promozione del Messina calcio in serie A, in quella notte del 4 giugno che ha regalato la più grande gioia sportiva alla città dello Stretto nella storia recente. Ora si parla già di un nuovo corso, con il club presieduto da Sciotto che sta continuando a lavorare su vari fronti, dalla composizione dell'organigramma societario alla conferma del tecnico Modica (il quale parlerà in conferenza stampa oggi pomeriggio), passando anche per la possibilità di tentare il ripescaggio in serie C. Una possibilità, quest'ultima, resa meno praticabile dall'ipotesi di vedere le "seconde squadre" delle big proprio nella terza divisione del calcio nazionale.

Intanto, come detto, si sta lavorando per una fusione che sarebbe storica. Da una parte la tradizione rappresentata dall'ACR Messina, squadra che sta cercando di rialzarsi dopo il fallimento del progetto Franza e quello avvenuto poco dopo sotto l'egida di Pietro Lo Monaco. Dall'altra parte c'è il nuovo che avanza, quel Città di Messina che sembra però aver esaurito le energie e gli stimoli, considerando da dove tutto è cominciato. E a darne conferma è il presidente Maurizio Lo Re: "Sono stati giorni di lavoro e di attesa. Il nostro profilo basso ci ha portato a far silenzio, non amiamo la pubblicità, non bramiamo a tutti i costi la pagina del quotidiano. Il progetto Città di Messina è al suo apice, il programma triennale è da considerarsi concluso. La serie D, per la società è un punto di arrivo. Noi, Città di Messina, siamo disponibili a mettere da parte tutto ciò che abbiamo fatto, compreso il titolo della serie D, per sposare il progetto Acr e riscattare il calcio cittadino".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php