Live Sicilia

Calcio - Serie B

Palermo, Valoti e Porchia in coro:
"Valorizziamo i nostri giovani"


Articolo letto 1.045 volte

Un concetto ribadito dai dirigenti rosanero in occasione di un evento al "Barbera".

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Largo ai giovani. Quasi un grido, una speranza lanciata (e rinnovata) anche quest'anno da "La Giovane Italia", progetto del giornalista di Sky Sport Paolo Ghisoni giunto all'ottavo anno. Tappa quasi obbligata a Palermo, reduce da una grandissima annata con i suoi giovani vista la promozione della Primavera di Giuseppe Scurto dal campionato Primavera 2 al campionato Primavera 1. “Rinnovo i complimenti alla Primavera che ha fatto un campionato straordinario - esordisce il direttore sportivo del Palermo Aladino Valoti, presente per l'occasione - adesso sono nell’élite e dovranno fare una stagione di grande livello in un campionato bello e vero. Penso che è abbastanza collegato quello che il Palermo sta facendo coi giovani insieme alla valorizzazione”.

Proprio Valoti si è soffermato sull'importanza di questo progetto e sul bacino d'utenza a disposizione per il Palermo: "Siamo a condividere questo progetto, per quanto riguarda il Palermo Calcio fa solo piacere – ammette – Questo serve a dare risalto ai giovani italiani, ma soprattutto quelli del nostro settore giovanile. Questa è una missione che abbiamo fatto nostra, Palermo è un territorio fertile e bisogna proseguire nella formazione dei ragazzi e dei tecnici. Pensiamo che questa sia la strada giusta. La visibilità ai giovani è una cosa di cui si parla tanto, ma non c’è un progetto per valorizzarli“. “Bisogna dare un percorso giusto a questi ragazzi per mettersi in vetrina e la possibilità di sbagliare - prosegue Valoti - La cosa che fa piacere è che i ragazzi che ho avuto modo di conoscere hanno una formazione straordinaria alle spalle. Questo mi da gioia ben oltre il valore tecnico, moralmente sono a posto. Contrariamente a quanto si dice in giro, Palermo e provincia possono offrire giocatori interessanti sui quali lavorare".

Stesso pensiero anche per Sandro Porchia, responsabile del settore giovanile rosanero: “Sicuramente dietro questi ragazzi c’è una formazione quotidiana e minuziosa con un lavoro di staff disarmante. Vincere non è facile, farlo con i giovani mi ha dato una sensazione unica, credo che a parte l’aspetto tecnico-tattico sia importante formazione umana perché prima di essere giocatore bisogna essere uomini. Volevo rifare i complimenti ai ragazzi della Primavera che mi hanno dato un’emozione unica”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php