Live Sicilia

calcio - serie c

Diana carica la Sicula Leonzio:
'Fondi ostico, ma dobbiamo vincere'


Articolo letto 2.760 volte

Il tecnico bianconero vuole mettersi alle spalle Andria e tornare a puntare i playoff.

VOTA
0/5
0 voti

LENTINI (SIRACUSA) - Una partita da vincere a tutti i costi, visto l'imprevisto scivolone della scorsa settimana sul campo dell'Andria. Una partita da non fallire per cercare di proseguire la corsa verso un posto ai playoff, obiettivo da inseguire con maggiore serenità visto che la prospettiva dei playout si allontana sempre di più a causa dell'annata disastrosa dell'Akragas che si avvicina alla retrocessione matematica. La Sicula Leonzio attende l'arrivo del Racing Fondi, e Aimo Diana si aspetta che la gara antecedente alla Pasqua riporti il sorriso in casa bianconera: "Quello di Andria è stato un grande passo falso per determinati motivi, abbiamo affrontato bene la gara e si guarda avanti. Mi assumo la responsabilità di quanto si è visto, non ho aiutato la squadra in determinati momenti e non l'ho messa in condizione di portare a casa un risultato positivo. Se non si può vincere una partita, si deve evitare di perderla e io ho sbagliato un paio di mosse. Quella di domani è una partita difficile e che mi preoccupa, la vittoria sembra scontata ma non lo è perchè il Fondi non merita certi risultati".

Lo stile di gioco della Sicula Leonzio potrebbe scontrarsi con il cambiamento che a breve avverrà a livello climatico. Le temperature in aumento potrebbero dare fastidio ad una squadra come quella bianconera, abituata a tenere il ritmo sempre alto con il pallone tra i piedi. Ecco perché Diana si aspetta, fin dalla gara di domani, una squadra che sia brava a governare il ritmo nella maggior parte del tempo di gioco, specialmente se avrà la palla tra i piedi e potrà fare la sua partita per portare a casa i tre punti: "Noi abbiamo ormai un modo di giocare ben definito e dobbiamo continuare così, con intensità e con ritmo. Arrivano i primi caldi, quindi dovremo gestire bene la partita nei momenti di pressione ma anche in cui riuscire a riposare. Dovremo essere bravi a riposare con la palla, abbiamo la qualità per farlo ma non c'è un modo preciso per vincere domani. Abbiamo le nostre qualità e l'avversario che domenica scorsa ha riposato ha dei punti deboli, ma anche dei punti forti, in particolare attaccanti come Corvia e Nolè. Il Fondi vorrà dir la sua per salvarsi, ma noi dovremo avere motivazioni per fare punti".

La sconfitta patita sul campo dell'Andria potrebbe aver complicato e non poco i piani della Sicula Leonzio nella corsa verso un piazzamento nella griglia playoff. Tuttavia, in un campionato così avvincente come quello che si sta vivendo nel girone C di serie C, e con tante squadre racchiuse in pochi punti, potrebbe bastare davvero poco per risalire la china e per assicurarsi un posto tra le prime dieci. Diana lo sa, e chiede ai suoi giocatori uno sforzo supplementare per centrare l'obiettivo: "È un bel campionato, tante squadre sono racchiuse in pochi punti e ce ne sono alcune che arrivano lassù dopo una rincorsa, mentre altre sono scese ma hanno il potenziale per tornare su. Basta poco per ritrovarsi sopra o sotto, e soprattutto tutti devono ancora portare a casa la salvezza anticipata. Molto probabilmente sappiamo che ci sarà solo un playout, la quota si è abbassata ma alcune squadre possono ancora salvarsi direttamente. L'aspetto mentale in una situazione del genere sarà fondamentale, a noi manca qualcosa per arrivare ai vertici e devo essere io a dare una mano alla squadra, laddove la squadra non riesce ad arrivare a certi livelli".

Diana è anche consapevole del fatto che la sua Sicula Leonzio potrà avere un buon ruolino di marcia nelle ultime giornate di campionato, per mantenere vivo l'obiettivo posto pubblicamente anche dal suo allenatore. Ecco allora che il tecnico dei bianconeri ammette qualche difetto sul piano dell'atteggiamento nei suoi ragazzi, ma al tempo stesso fa capire che se non ci fossero problemi di questa sorta, la classifica sarebbe l'ultimo dei problemi della Leonzio: "Dopo aver perso con la Juve Stabia abbiamo fatto sette punti con Catania, Rende e Akragas. Mi aspetto che noi lavoriamo con le nostre certezze, le disattenzioni ci saranno sempre perché una squadra come la nostra sarebbe prima in classifica se non le avesse. Giochiamo sempre palla a terra, siamo propositivi e a volte possiamo avere degli squilibri, anche se ad Andria abbiamo preso gol in situazioni che poco c'entrano con il nostro stile di gioco. Possiamo fare meglio nella nostra area, ci vuole più coraggio nel difendere alti e mi dà fastidio vedere l'avversario avere più voglia di vincere dei miei giocatori. Domani ci sarà la miglior formazione possibile".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php