Live Sicilia

Calcio - Serie C

Trapani, prova di forza a Catanzaro
Tre punti preziosi in dieci uomini


Articolo letto 2.958 volte

Granata due volte in vantaggio con le reti di Polidori ed Evacuo, nel mezzo il pari su rigore di Infantino. Poi la resistenza in inferiorità numerica per il rosso al centravanti.

VOTA
0/5
0 voti

CATANZARO – Il Trapani espugna con una prova di grande carattere il ‘Ceravolo’ di Catanzaro e ottiene così tre punti d’oro. Nella giornata che segna l’esordio sulla panchina dei calabresi di Pippo Pancaro, i giallorossi partono a gran ritmo costringendo la formazione di Calori ad un primo tempo incolore, almeno fino al 40’, quando alla prima occasione per i granata Polidori insacca alle spalle di Nordi. Nella ripresa, nonostante il pareggio di Infantino quasi immediato su un calcio di rigore molto discusso, il Trapani ha invece dimostrato di avere grande personalità, ristabilendo il vantaggio con una gran giocata di Evacuo al 57’ e poi resistendo difendendosi in maniera ordinata per oltre mezz’ora di gioco in inferiorità numerica per il rosso estratto a indirizzo dello stesso Evacuo, reo di aver colpito a gioco fermo un avversario.

Vivaci in avvio i padroni di casa che mettono subito alle corde il Trapani, che di contro mostra un atteggiamento più attendista. Il Catanzaro si fa vedere in avanti con Falcone ed Infantino, ma la prima vera occasione della partita arriva al 23’, quando Puntoriere penetra in area di rigore dalla destra e serve un pallone all’indietro per l’accorrente Nicoletti, che calcia col destro all’altezza del dischetto mancando clamorosamente la porta. Il Trapani in difficoltà paga un approccio alla gara piuttosto superficiale ed i giallorossi mantengono pericolosamente il pallino del gioco. Al 34’ un’altra clamorosa occasione per i calabresi: sullo spiovente dalla sinistra di Falcone, non perfetto Furlan che devia la traiettoria sul corpo di un compagno di squadra, la palla rimane lì e Puntoriere manca la zampata vincente. Al 39’ finalmente si fa vedere in avanti il Trapani e su un traversone indirizzato a Scarsella al centro dell’area, il centrocampista ex Cremonese viene vistosamente trattenuto da Riggio e finisce giù: proteste veementi dei granata ma per l’arbitro non ci sono gli estremi per il calcio di rigore. I siciliani però prendono coraggio e impegnano severamente Nordi con una gran botta al volo di Marras. Sul conseguente calcio d’angolo i siciliani, a dispetto di quanto visto fino a quel momento, passano in vantaggio: il traversone tagliato al centro viene deviato da un paio di giocatori e la sfera arriva così a Polidori che tutto solo appostato sul secondo palo si coordina perfettamente e batte Nordi col sinistro. I granata chiudono così avanti nel punteggio la prima frazione.

La ripresa si apre con il doppio cambio di Pippo Pancaro che inserisce Spighi e Letizia al posto di Zanini e Puntoriere ed al 50’ il Catanzaro conquista un dubbio calcio di rigore per un presunto contatto irregolare tra Silvestri e Onescu in area trapanese: dal dischetto si presenta Infantino che buca Furlan ristabilendo la parità. Passano sette minuti, però, ed Evacuo di forza sfonda centralmente la difesa avversaria e in allungo con la punta anticipa difensori e portiere avversario riportando in vantaggio il Trapani con un gol da Calcio a 5. Un minuto più tardi, però, lo stesso Evacuo commette una imperdonabile sciocchezza dando un buffetto a gioco fermo a Gambaretti proprio sotto gli occhi dell’assistente dell’arbitro: secondo giallo e doccia anticipata per l’ariete granata. Il Catanzaro allora prende coraggio e poco più tardi e si rende pericoloso con Falcone, che però non inquadra lo specchio col sinistro. I siciliani si difendono con ordine e ripartono in contropiede: al 71’ è Marras ad avere una buona occasione per mettere al sicuro il risultato su una bella ripartenza ma Nordi è bravo a deviare in angolo sulla conclusione dell’esterno granata. Il tecnico del Catanzaro, Pippo Pancaro, le prova tutte inserendo tutti gli attaccanti a disposizione e disponendo i suoi con una sorta di 3-3-4 ed al minuto 84’ Valotti, appena entrato, serve Falcone che prova la conclusione ma la palla termina di un soffio sopra la traversa. Il Trapani lotta in mezzo al campo e prova a resistere in tutti i modi: al 94’ l’ultimo brivido della partita con Valotti che si gira in area ed il suo tiro deviato per poco non beffa Furlan. Vince il Trapani con gran personalità.

Tabellino

Catanzaro-Trapani 1-2
Marcatori: Polidori 40', Infantino (rig.) 51', Evacuo 57'.

CATANZARO (4-3-3): Nordi; Zanini (Spighi 46'), Gambaretti (Sabato 78'), Nicoletti (Corado 71'), Riggio; Onescu, Maita, Marin; Puntoriere (Letizia 46'-Valotti 83'), Infantino, Falcone. A disposizione: Marcantognini, Cason, Van Ransbeeck, Cunzi, Di Nunzio, Badjie, Sepe. Allenatore: Giuseppe Pancaro.

TRAPANI (3-5-2): Furlan; Drudi, Fazio, Silvestri; Marras (Visconti 87'), Palumbo, Scarsella, Corapi (Steffè 82'), Rizzo; Evacuo, Polidori (Murano 78'). A disposizione: Pacini, Ferrara, Pagliarulo, Dambros, Canino, Girasole, Minelli, Aloi. Allenatore: Alessandro Calori.

Arbitro: Sig. Francesco Meraviglia (Pistoia).
Assistenti: Sig. Dario Garzelli (Livorno) e Sig. Davide Meocci (Siena).

note - Ammoniti: Marin 36', Evacuo 51', Gamberetti 76', Scarsella 90'. Espulsi: Evacuo 58'. Tempo di recupero: 1'pt/5'st.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php