Live Sicilia

basket - serie a

Orlandina immersa nel mercato
Reparto lunghi nel mirino


Articolo letto 565 volte

Tanti incontri in agenda per il ds Sindoni: novità previste nel roster, possibile ritorno per Iannuzzi.

VOTA
0/5
0 voti

CAPO D'ORLANDO (MESSINA) - Ancora una partita da disputare e con l'obiettivo di vincerla, prima di tuffarsi in una sosta che potrà essere rigenerante sul piano fisico e ancor di più su quello mentale. Ma quella che arriverà subito dopo la sirena finale della sfida del PalaSikeliArchivi contro la Grissin Bon Reggio Emilia, sarà anche una sosta che consentirà alla dirigenza della Betaland Capo d'Orlando di tirare una riga, fare il punto della situazione e mettere a segno interventi per rimettere in sesto un roster che, almeno finora, non ha dato le risposte che ci si aspettava alla vigilia di una stagione nata come storica e che ora rischia di trascinarsi stancamente verso la fine in maniera agonica. Interventi mirati, senza farsi prendere dalla frenesia e fatti con l'intenzione di affidare a Gennaro Di Carlo, in vista delle ultime dodici partite di campionato, un roster che sappia ritrovare la fame, la grinta e la voglia di fare bene che sono fondamentali per evitare brutte sorprese, viste le due sole lunghezze di vantaggio su quell'ultimo posto che, con la conseguente retrocessione in A2, trasformerebbe una stagione da sogno in un vero e proprio incubo.

E se il reparto degli esterni è stato sistemato almeno sul piano numerico, con l'ingaggio dell'americano Nick Faust che dovrebbe presupporre una partenza proprio tra i 'piccoli' (Mario Ihring continua a cercare squadra in Spagna o in serie A2), ecco che il settore dei lunghi potrebbe essere quello maggiormente coinvolto dai movimenti di mercato che in casa Orlandina Basket sono già in programma da qualche giorno, con il direttore sportivo Peppe Sindoni che starebbe pensando addirittura alla possibilità di lasciar partire tutti e tre i giocatori ingaggiati per la protezione del pitturato sui due lati del campo. Denis Ikovlev - della cui partenza si parla ormai da giorni - , Jakub Wojciechowski e persino Mario Delas potrebbero essere sacrificati per ricostruire il pacchetto dei lunghi a disposizione di coach Di Carlo, anche se nel caso del duttile pivot polacco (uno dei pochi a salvarsi nella prima metà della stagione almeno sul piano statistico) la sua cessione potrebbe rappresentare una specie di piano B. E se tutti i lunghi di casa Betaland potrebbero andare via, ce n'è uno che starebbe valutando l'ipotesi di tornare in Sicilia.

Stiamo parlando di Antonio Iannuzzi, ala forte campana che proprio tra le fila dell'Orlandina è riuscito a farsi notare nella passata stagione, uscendo spesso dalla panchina e facendo vedere doti che, nel corso dell'estate del 2017, lo hanno portato alla Fiat Torino e in seguito anche nel giro della Nazionale. Il caos che si sta vivendo in casa sabauda, con le dimissioni in rapida successione di Banchi prima e di Recalcati poi, e un minutaggio ancora scarno (16.3 minuti di media in campionato) starebbero convincendo Iannuzzi a lasciare l'Auxilium, club nel quale si sta vivendo una vera e propria rivoluzione sul piano del roster, proprio con i lunghi nel mirino. Ed ecco che una partenza in prestito a Capo d'Orlando fino a fine stagione potrebbe essere un'idea, con Iannuzzi che affiancherebbe Luca Campani. Detto di Ikovlev che è dato in uscita, proprio Delas potrebbe essere un altro giocatore sacrificabile in cambio dell'arrivo di un lungo extracomunitario, mentre sulle tracce di 'Kuba' Wojciechowski ci sarebbe la Happy Casa Brindisi, pronta a sborsare un buyout non eccessivo per ingaggiare il polacco.

Visto che ci sono praticamente tutti i lunghi in uscita, almeno in base a quel che si vocifera, in casa Orlandina Basket si lavora per portare un nuovo giocatore sotto le plance. In particolare nel mirino del ds Sindoni c'è un altro giocatore noto al campionato italiano, ovvero Johndre Jefferson, visto tre anni fa a Varese (con lui c'era anche Maynor) e nella passata stagione a Trento, con numeri importanti per punti realizzati e rimbalzi. Difficile che si intervenga sul fronte degli esterni, visto che l'ingaggio di Faust ha chiuso il mercato in entrata su questo fronte. Si attenderà la disputa della sfida di Reggio Emilia prima di lasciar partire Ihring, visto che l'indisponibilità di Eric Maynor per infortunio obbligherà Gennaro Di Carlo a inserire il giovane playmaker slovacco nelle rotazioni contro la compagine di coach Menetti.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php