Live Sicilia

basket - serie a2

Trapani, c'è l'ostacolo Virtus
Agrigento, riparti da Tortona


Articolo letto 424 volte

Quarta giornata di ritorno per Lighthouse e Moncada: parola a Basciano e Ciani.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Lighthouse Trapani e Fortitudo Moncada Agrigento vanno ancora alla ricerca della prima vittoria dall'inizio del nuovo anno, e lo fanno in partite che potrebbero anche dare la svolta per il prosieguo della stagione, sia per parte granata che tra le fila dei biancazzurri. Torna a giocare tra le mura amiche la formazione guidata da Ugo Ducarello, che al PalaConad affronterà la rinnovata Virtus Roma - tra le cui fila c'è l'ex capitano trapanese Filloy - anche per mettersi alle spalle la partita persa domenica a Siena, al termine della quale non sono mancate dichiarazioni cariche di rabbia e di delusione da parte dello stesso coach. Gli uomini allenati da Franco Ciani, invece, andranno a fare visita alla Bertram Tortona per cercare di mettersi alle spalle il poker di sconfitte consecutive con cui si è aperto il 2018. Ci si aspetta un netto miglioramento sul piano fisico e del gioco dopo i tanti problemi che hanno attanagliato la formazione biancazzurra nelle scorse partite, con l'inserimento completo di Zilli e il pieno recupero di capitan Evangelisti che potrebbero risultare decisivi.

Nella vigilia della sfida che opporrà la Lighthouse Trapani alla Virtus Roma, a prendere la parola è stato Nicolò Basciano. Il general manager granata ha fatto capire che è necessaria un'inversione di tendenza sul piano dell'atteggiamento per far sì che arrivi anche quella sul piano dei risultati, specialmente dopo lo scivolone di Siena: "Sono voluto intervenire per provare a dare un segnale alla squadra. Ho visto un gruppo che ha avuto voglia di rimettersi in gioco affrontando gli allenamenti con concentrazione ed attenzione. La partita di domani sarà diversa rispetto a quella dell’andata dove, purtroppo, abbiamo perso di un punto; sarà difficile da prevedere e preparare sul piano tattico perché la Virtus ha cambiato pelle col mercato ma molto dipenderà da noi: se riusciremo a tenere alta l’attenzione potremo fare bene. Per superare questi momenti difficili bisogna restare uniti, fuori e dentro il campo, senza cercare colpevoli ma soltanto soluzioni per affrontare i problemi e superarli. I ragazzi non hanno bisogno di essere tenuti sulle spine, tutti sanno che non hanno il posto garantito e non è un segreto che stiamo osservando cosa avviene sul mercato, molte squadre stanno facendo scambi tra di loro e noi restiamo alla finestra".

Franco Ciani analizza il prossimo impegno della sua Fortitudo Agrigento, attesa dalla sfida interna contro la la Bertram Tortona. Dopo un filotto di sconfitte è necessario tornare a giocare bene e a vincere, ma il coach biancazzurro richiama anche all'ordine il pubblico, che nelle ultime gare interne è stato scarno e poco incline al sostegno: "È chiaro che la componente risultato inizia ad essere necessaria. Non è possibile pensare di giocare una brutta partita e vincere ugualmente. Tortona è una squadra di grande qualità, ha grande talento offensivo, questo sicuramente ci obbligherà ad allungare la difesa ed a non concedere tiri facili. Dobbiamo abbinare una crescita nella qualità del nostro gioco, a quello che è il nostro obiettivo principale: vincere. Metteremo tutte le nostre energie e le nostre forze. Abbiamo bisogno di supporto e di calore per corroborare certezze che gli ultimi risultati hanno incrinato. Dobbiamo avere grande controllo della partita, per non concederei dei break ai nostri avversari. Mi aspetto sempre molto dal pubblico, spesso rimango deluso. La squadra ha bisogno di supporto, è un patrimonio della città. Difendere tutto questo deve essere un piacere per tutti".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php