Live Sicilia

calcio - serie a

Juventus, il titolo è tuo
Non aritmetico, ma virtuale


Articolo letto 4.613 volte

Solo la differenza reti non regala la matematica certezza ai bianconeri. Ma manca davvero poco.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Sei punti di vantaggio a due giornate dalla fine. E dire che dopo la sconfitta interna contro il Napoli, con la zuccata vincente di Koulibaly al 90', il divario tra Juventus e partenopei era di un solo punto, e per giunta con un calendario che sembrava poter mettere in difficoltà la formazione campione d'Italia in carica. Tuttavia, la tripletta di Simeone ai danni degli azzurri, il pareggio del "San Paolo" tra gli uomini di Sarri e il Torino dell'ex col dente avvelenato Mazzarri e le contemporanee (o quasi) vittorie dei bianconeri contro Inter e Bologna hanno ampliato nuovamente il gap. Non si può ancora parlare di scudetto in via aritmetica, ma di fatto la Juventus si può considerare già vincitrice del settimo scudetto consecutivo, un record di cui nessuno, nel nostro campionato, può fregiarsi. Già, perchè ci sono ancora sei punti in palio, gli stessi che dividono la Vecchia Signora e il Napoli, e con gli scontri diretti in perfetto equilibrio l'unica discriminante riguarda la differenza reti complessiva.

Al momento la Juventus si trova a +61 (84 gol fatti e 23 subiti), mentre gli azzurri sono a quota +45 (73 gol realizzati e 28 incassati). Solo una doppia vittoria partenopea e una doppia sconfitta juventina con una differenza reti di +17 in favore di Hamsik e compagni potrebbe sovvertire in maniera clamorosa l'esito di questo campionato e regalare il terzo titolo della storia al Napoli. Passando agli esempi concreti, la Juventus dovrebbe perdere 4-0 sia a Roma che in casa contro il già retrocesso Verona, mentre il Napoli dovrebbe vincere 4-0 a Genova contro la Samp e 5-0 all'ultimo turno contro il Crotone, o viceversa. Se non è fantascienza, poco ci manca.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php