Live Sicilia

basket - serie a

Orlandina, missione impossibile
Brienza: "Venezia fuori portata"


Articolo letto 614 volte

Domenica sfida alla capolista nonchè detentrice del titolo: parla l'assistente di Mazzon.

VOTA
0/5
0 voti

CAPO D'ORLANDO (MESSINA) - Una vera e propria missione impossibile che però deve ricevere la spinta dalla necessità di fare punti per conquistare la salvezza. La Betaland Capo d'Orlando si prepara alla sfida del Taliercio contro l'Umana Reyer Venezia, squadra sempre più vicina alla conquista della EuroCup dopo la vittoria in gara1 di finale contro Avellino, ultimo avversario proprio dei paladini. Nicola Brienza, assistente di coach Mazzon, ammette che la sfida contro i lagunari è tanto affascinante quanto complicata: "C’è grande consapevolezza del fatto che andiamo a giocare contro la prima della classe, che l’anno scorso ha vinto il campionato e quest’anno sta tenendo un ritmo altissimo. Sappiamo che sarà una partita difficilissima, perché loro hanno delle grandissime qualità, sia come squadra che a livello individuale. Mancano tre partite alla fine della stagione regolare e andremo a Venezia con la voglia di dare il meglio per portare avanti il nostro progetto tecnico e le nostre idee e soprattutto per essere pronti per le successive due partite che saranno più alla nostra portata".

L'Umana Reyer Venezia è squadra dal grande talento individuale ma anche ben allenata da Walter De Raffaele, il quale è stato capace di portarla fino al titolo italiano oltre che nella già citata finale di EuroCup contro Avellino. Tanti giocatori di grande qualità come Daye, Haynes, Bramos e l'ultimo arrivato Edgar Sosa, ma anche un sistema di gioco che consente di avere grande energia sui due lati del campo. Brienza presenta la prossima avversaria dell'Orlandina così: "È difficile giocare contro di loro, perché non è sufficiente mettere attenzione sui singoli, perché ogni partita hanno un protagonista nuovo: contro Avellino sono stati Johnson e Cerella, che fin lì avevano avuto qualche minuto in meno, a cambiare il ritmo della gara e ad essere decisivi. Dunque bisogna avere grande rispetto per tutti e fare grande attenzione, nella consapevolezza che giochiamo contro la migliore squadra del campionato. Questa settimana abbiamo lavorato bene, siamo pronti e carichi per affrontare il rush finale delle prossime due settimane".

In questo contesto, decisamente complicato da affrontare, la Betaland Capo d'Orlando non può spegnere la sua sete di punti, arrivati solo in occasione della trasferta di Brindisi nonostante grandi prestazioni come quella sfoderata domenica scorsa contro Avellino. Gli irpini sono riusciti a passare in Sicilia solo all'overtime, e proprio sulla scorta di una prestazione di tale fattura contro una delle corazzate del nostro campionato Brienza sostiene che l'Orlandina dovrà giocare per provare a fare quella che sarebbe una delle più grandi imprese della storia recente del club: "Abbiamo grande voglia di andare a Venezia per fare la nostra partita, per crescere ancora come team e arrivare ancora più pronti alle prossime due partite. Dopo la partita di Venezia, indipendentemente dal risultato, dovrà esserci grande attenzione e concentrazione per quella che sarà la gara fondamentale per la nostra stagione in casa contro Cantù. Il 6 maggio avremo il supporto del nostro pubblico e dovremo farci trovare pronti".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php