Live Sicilia

calcio - serie c

Akragas-Catania, Lucarelli:
"Non sottovalutiamo il Gigante"


Articolo letto 767 volte

Il tecnico etneo invita i suoi giocatori a dare il massimo per vincere il derby.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Una partita da non sottovalutare per proseguire la propria corsa sulla capolista Lecce. Il Catania affronta il sempre insidioso derby contro l'Akragas, reso ancor più complicato da gestire e da valutare a causa della condizione della formazione della città dei Templi, ormai retrocessa matematicamente in serie D da un paio di settimane. Ecco perchè Cristiano Lucarelli richiama i suoi all'ordine e li invita a giocare la miglior partita possibile per mettere in ghiaccio la partita al più presto: "Scopriremo domenica se nella testa dei giocatori ci sono ancora scorie del pareggio di lunedì. In settimana ho visto la solita squadra, il calcio consente di riscattarsi subito, quindi questo è ciò che i ragazzi intendono fare. Abbiamo la corazza per affrontare ogni tipo di ambiente, temiamo l'Akragas perchè è la classica partita a buccia di banana che dobbiamo essere bravi a schivare. Abbiamo tutto da perdere, loro non ci regaleranno niente e faranno la partita della vita. Ci vorrà la massima attenzione fin da subito, cercando di sbloccarla il prima possibile".

Contro una squadra ormai arresa alla prospettiva della retrocessione, Lucarelli vuole vedere la miglior versione del Catania, anche in vista della sfida contro il Trapani alla quale presentarsi nelle migliori condizioni, fisiche e soprattutto mentali. Ma prima c'è da vincere questa gara, che il tecnico etneo non vuole sottovalutare anche in funzione della pressochè totale assenza di pubblico in quel di Siracusa: "C'è bisogno di giocare in velocità, nel campo in sintetico serve gente di gamba e possiamo anche far tirare il fiato a qualcuno: ecco perchè giocherà Porcino al posto di Marchese, poi rientrerà Tedeschi e dovrò valutare Aya. Dal punto di vista muscolare ci sono da fare delle riflessioni. Non voglio dare l'impressione che stiamo già pensando al Trapani, non deve essere così, noi vogliamo vincere questa partita per presentarci in un certo modo alla prossima. Cambierò qualcosa solo per squalifiche e infortuni. Dovremo essere bravi a giocare in un atmosfera strana e a trovare le motivazioni, come se ci fossero 20.000 persone davanti a noi".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php