Live Sicilia

calcio - serie c

Leonzio, sconfitta amara
Diana: "Fatto troppo poco"


Articolo letto 331 volte

La Sicula Leonzio si ferma in Puglia, il tecnico bianconero analizza l'incontro.

VOTA
0/5
0 voti

ANDRIA - La buona serie fatta di tre risultati utili consecutivi della Sicula Leonzio si ferma bruscamente, e forse in maniera non del tutto attesa, sul campo del "Degli Ulivi" di Andria. La formazione allenata da Aimo Diana ha giocato la consueta gara fatta di possesso palla e di controllo del ritmo, ed è riuscita nel suo intento per quasi tutto il primo tempo, prima della rete di Lattanzio che ha replicato a quella realizzata poco prima della mezz'ora da Lescano. Nella ripresa è invece venuta fuori un po' di stanchezza in casa bianconera, con i padroni di casa che hanno preso sempre più possesso della metà campo offensiva e hanno sfiorato a più riprese il gol della vittoria. Gol che è arrivato anche in questo caso in chiusura di frazione, a quattro minuti dallo scoccare del novantesimo, con Tiritiello che ha battuto Narciso e ha inflitto una sconfitta non del tutto in programma per una Sicula Leonzio che ha comunque l'obbligo di continuare ad inseguire la qualificazione storica ai playoff.

Al termine della sfida, Aimo Diana ha analizzato i novanta minuti di Andria andando a sottolineare soprattutto quelli che sono stati i meriti degli avversari. Un maggior tasso di energia e una maggiore concretezza negli ultimi metri ha consentito, secondo il tecnico bianconero, alla formazione di casa di portare a casa tre punti che la Leonzio poteva ottenere se avesse ripetuto quanto di buono fatto vedere nelle ultime gare: "Direi che la vittoria della Fidelis Andria sia meritata per quello che si è visto e per l’atteggiamento mostrato. Hanno voluto più di noi vincere questa partita. Faccio loro i complimenti, hanno fatto una partita gagliarda recuperando anche un gol di svantaggio. Cerchiamo sempre di giocare sempre a calcio ed è dispendioso, è difficile perchè cerchiamo sempre di tenere palla a terra. Dobbiamo capire che alcune volte va giocato meno di fioretto e più sull’agonismo. Trovare il gol del pareggio nei minuti conclusivi per loro è stato importante anche se nella ripresa, placata la sfuriata del primo quarto d’ora, avevamo ripreso per mano la situazione".

Un Diana che ha sottolineato anche la scarsa capacità, dimostrata dai suoi giocatori nella sfida del "Degli Ulivi", di cambiare atteggiamento e anche velocità di azione e di pensiero, in base alle condizioni del terreno di gioco, appesantito dalla pioggia. Qualora la Sicula Leonzio fosse riuscita anche ad adattarsi a condizioni climatiche e di campo non del tutto congeniali al suo stile di gioco abituale, con ogni probabilità non sarebbe arrivata la sconfitta contro l'Andria, stando a sentire il tecnico: "Su un campo così, molto difficile, la Fidelis Andria ha avuto più energia rispetto a noi per spingere sino alla fine e sono stati bravi. Stiamo facendo molto bene non dobbiamo dimenticarlo, lo stop odierno va giudicato come un incidente di percorso. Sabato abbiamo già una partita importante. L’obiettivo è raccogliere punti per salvarci definitivamente. Io voglio che la mia squadra giochi sempre. C’è qualche punto da fare - conclude Diana - , mi attendo qualcosa in più anche da coloro i quali entrano a partita in corso".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php