Live Sicilia

Calcio - Serie C

Akragas, Di Napoli rimane
Il club lo ritiene intoccabile


Articolo letto 3.940 volte

Ci pensa il ds Russello a rinsaldare la posizione del tecnico: "Sarebbe un errore cacciarlo".

VOTA
0/5
0 voti

AGRIGENTO - Raffaele Di Napoli non si tocca, nonostante le richieste della piazza che si sono fatte sempre più forti ed incessanti. La pazienza della tifoserie dall'Akragas sembra essersi ormai esaurita in maniera definitiva, e gli striscioni apparsi ieri in città ad Agrigento sono eloquenti. Attacchi diretti nei confronti del patron Silvio Alessi, che nonostante l'intenzione espressa di lasciare il club sta effettuando ancora sforzi per tenere in piedi tutto. Ma soprattutto un invito a dimettersi da parte dell'allenatore napoletano, uno dei fulcri di questo gruppo che sta dando tutto per non mandare tutto in malora. E il responsabile dell'area tecnica Ernesto Russello fa capire che a questa squadra basterebbe davvero poco per riuscire a raggiungere l'unico obiettivo disponibile e raggiungibile dall'Akragas, ovvero accorciare le distanze sul quartultimo posto in modo da poter disputare i playout: "Sono convinto che in questo campionato basterebbe davvero poco e in ogni caso fino a quando la matematica non ci condanna abbiamo l'obbligo di provarci. Le altre squadre non corrono e abbiamo sempre la sensazione di raccogliere qualcosa in meno di quello che meriteremmo".

Ci pensa lo stesso Russello a ribadire che l'eventuale sollevamento di Di Napoli dall'incarico di allenatore non è la soluzione migliore per cercare di dare una svolta alla stagione dell'Akragas. Anzi, il dirigente del club della città dei Templi sostiene che sia proprio il mister nativo di Fuorigrotta a dare la spinta sul piano emotivo e caratteriale al gruppo a sua disposizione, per cercare di giocarsi le partite alla pari e soprattutto per non arrendersi di fronte ad una situazione di classifica che è a dir poco disperata: "In questo momento riteniamo che la squadra non avrebbe nessun vantaggio in un cambio della guida tecnica, semmai potrebbe avere solo dei contraccolpi negativi. È evidente che la crisi di risultati ha altre ragioni. La squadra è ultima in classifica e sta disputando questa stagione così stentata per le ragioni che tutti sappiamo, la società è in uno stato di grande precarietà e si sta andando avanti tra mille difficoltà. Cambiare allenatore farà solo venire meno uno dei principali punti di riferimento del gruppo".

A questo punto, una delle ultime soluzioni provenienti fuori dal campo riguarda il mercato. Ci sono ancora poche ore per riuscire a mettere sotto contratto un giocatore che lo scorso 31 gennaio, ovvero al momento della chiusura della finestra invernale dei trasferimenti, non aveva alcun contratto in essere. Russello fa sapere di attendere solo l'ok da parte di Alessi e dei dirigenti per poter siglare l'accordo con un giocatore libero da vincoli, in particolare con un elemento che porterebbe esperienza e soprattutto gol ad un reparto offensivo che al momento rappresenta l'anello debole dell'Akragas, incapace di sfruttare le palle gol che vengono costruite: "Fino all'ultimo giorno del mese il regolamento ci consente di ingaggiare un altro giocatore svincolato. Se la proprietà mi dovesse dare il via libera sono pronto a tesserare un attaccante di esperienza che possa dare un contributo per fare quei punti che servono - conclude Russello - per agganciare il treno playout".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php