Live Sicilia

basket - serie a

Di Carlo: "Dobbiamo salvarci
Champions e infortuni incidono"


Articolo letto 110 volte

Dopo la disfatta di Milano torna a parlare il coach della Betaland Capo d'Orlando.

VOTA
0/5
0 voti

CAPO D'ORLANDO (MESSINA) - Ancora una batosta subita, anche se l'ultima uscita stagionale non poteva e non doveva essere quella della svolta per la Betaland Capo d'Orlando, uscita con le ossa rotte dal parquet del Mediolanum Forum. Proprio lo stesso luogo in cui la formazione paladina ha ottenuto quella che con ogni probabilità è la più bella vittoria della storia del club, ovvero quella in gara1 dei quarti di finale degli scorsi playoff scudetto. Questa volta c'è da fare i conti con una sconfitta con ben 37 punti di scarto, che riflette in maniera piuttosto credibile e realistica la differenza tra una squadra costruita ancora una volta per vincere lo scudetto, e un'altra che probabilmente non è stata allestita nel migliore dei modi per affrontare un doppio impegno tra campionato e Champions League. E con l'ultima sfida europea in programma domani contro il Ludwigsburg che precede il match di Reggio Emilia e soprattutto la sosta, il campionato dell'Orlandina potrebbe finalmente svoltare.

È quello che ammette di augurarsi, al termine della sfida del Mediolanum Forum di Assago, Gennaro Di Carlo. Il coach dell'Orlandina sostiene che non poteva essere quella sul parquet di Milano, la sfida per trovare la svolta in un pessimo periodo di stagione, fatto di dodici sconfitte consecutive tra campionato e Champions. Al tempo stesso, però, il tecnico campano confida nella capacità dei suoi giocatori di concentrarsi subito sui prossimi impegni per cercarla, quella svolta di cui i paladini hanno bisogno: "La situazione è abbastanza complicata, stasera era una partita difficile per invertire la tendenza - dichiara Di Carlo - . Lottiamo per rimanere in Serie A, sarà dura ma ci faremo trovare pronti. Non è facile venirne fuori, ma abbiamo convinzione nei nostri mezzi e guardiamo avanti, le sconfitte si sono accumulate e credo che questo non sia l’effetivo valore della squadra. Dobbiamo focalizzarci immediatamente su Reggio Emilia cercando di recuperare una migliore condizione da parte di tutti. Ci presenteremo domenica prossima nel migliore dei modi".

Di Carlo ritiene che la sua squadra possa e debba fare molto meglio di così per riuscire ad invertire la tendenza e a risalire la china, in quella che doveva essere una stagione magica ma che si è messa decisamente male, non fosse altro che per il fatto di essere fuori dai giochi in Champions League ormai da tempo, e soprattutto di dover evitare di farsi agganciare all'ultimo posto in classifica in campionato. Ecco perchè il coach della Betaland Capo d'Orlando vuole vedere un salto di qualità nel match di domenica contro Reggio Emilia: "Non dobbiamo dimenticarci che abbiamo dimostrato delle qualità superiori a quelle di oggi. È una situazione che si è complicata cammin facendo, perché oltre gli impegni in coppa hanno inciso molto gli infortuni. Sono convinto che la squadra di stasera non è la vera Orlandina. Questi ragazzi ci hanno fatto vincere le partite fino al 16 dicembre dobbiamo tornare ad essere quella squadra. Più perdi, però, meno certezze hai. Dobbiamo compattarci e portare a casa un risultato positivo contro Reggio Emilia. In questo momento, oggettivamente, la salvezza è il nostro scudetto".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php