Live Sicilia

basket - serie a2

Trapani può chiudere in bellezza
Agrigento, il ritorno di Piazza


Articolo letto 438 volte

Si chiude l'andata: la Lighthouse ospita Cagliari, la Moncada riceve il grande ex.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Si apre l'anno nuovo anche per le formazioni del campionato di serie A2. Lighthouse Trapani e Fortitudo Moncada Agrigento tornano sul parquet dopo le meritate vacanze di fine 2017 per tuffarsi nell'ltima giornata del girone di andata, con i granata che vogliono chiudere alla grande e magari arrivare al giro di boa di metà stagione ancora con il secondo posto in saccoccia, mentre i biancazzurri hanno delle residue - ma a dire il vero non esattamente abbondanti - chances di approdare alla Final Eight di coppa Italia. La formazione allenata da Ugo Ducarello ospiterà al PalaConad la Pasta Cellino Cagliari, compagine che sta affrontando per la prima volta la sfida della serie A2 e sta provando a difendersi con le unghia e con i denti. Partita complicata anche per la compagine guidata da Franco Ciani, che davanti ai propri tifosi al PalaNoncada riceverà la visita della Leonis Roma, squadra tra le cui fila milita un grande ex agrigentino come il playmaker Alessandro Piazza.

Ugo Ducarello si appresta a vivere la chiusura del girone di andata con la grande soddisfazione di aver agganciato il treno per la Final Eight, obiettivo mai dichiarato ma che è sempre stato presente nei programmi societari. E anche il coach dela Lighthouse Trapani lo ha finalmente confessati in conferenza stampa: "Sarà una partita importante perché ci giochiamo un obbiettivo fondamentale come la Coppa Italia. Su Cagliari voglio sottolineare che è un’idea nuova, un progetto grazie al quale si potranno formare tanti giovani. E’ una squadra che secondo me sta facendo molto bene, imprimono un grande ritmo, soprattutto in casa, ed hanno un grande potenziale offensivo. La cosa che mi è piaciuta di più in questa metà di stagione è stato vedere i ragazzi disponibili ad aiutarsi fuori dal campo, cosa che ha accresciuto tanto i rapporti e l’amalgama tra di loro: quando ricevi un supporto dai tuoi compagni riesci anche a trasferirlo in campo. Il nostro obiettivo, anche se non l’ho mai confessato, è sempre stato quello di raggiungere le Final Eight, e adesso siamo ad un passo dal raggiungerlo ma i ragazzi devono restare sereni e giocare senza pressione: da trapanese mi auguro di cuore di raggiungere questo prestigioso traguardo".

Il ritorno di Alessandro Piazza al PalaMoncada sarà invece solo uno dei motivi di interesse della sfida tra Fortitudo Agrigento e Leonis Roma. Franco Ciani non vuole lasciarsi distrarre dal fattore emotivo, e si aspetta una prova gagliarda dei suoi ragazzi, a dispetto delle assenze e degli acciacchi che ne stanno condizionando il finale di andata: "Partita difficile, Roma è una squadra che non è stata costruita e pensata per questa classifica, anzi era tra le favorite del nostro girone. Non dobbiamo pensare a un confronto con una compagine debole o di bassa levatura. Oltretutto si stanno trasformando dopo il cambio di allenatore e di alcuni giocatori, e non abbiamo ancora riscontri definitivi sulle loro novità. Siamo decimati già da prima della sfida di Reggio Calabria, ma dobbiamo pensare a giocare la partita, quindi bisogna rimuovere le difficoltà e gli strascichi degli ultimi giorni, pensando solo a fare una partita tosta come abbiamo sempre fatto in casa. Zilli? È un ragazzo di prospettiva, si inserisce nel nostro progetto e nella nostra programmazione. Due anni fa era in Nazionale, viene da quattro anni di college e sarà un giocatore che dovrà testare la serie A2. Non sconvolgerà gli equilibri, ma sarà un valore aggiunto".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php