Live Sicilia

basket - serie a2

Trapani con Latina per volare
Agrigento attende Reggio Calabria


Articolo letto 423 volte

Ultima gara del 2017 per Lighthouse e Moncada, che vincendo volerebbero in classifica.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Ancora una partita da giocare, ancora quaranta minuti da trascorrere sul parquet, e poi sarà meritato stop per le formazioni impegnate nel campionato di serie A2. E tra queste spiccano la Lighthouse Trapani e la Fortitudo Moncada Agrigento, che si apprestano ad affrontare un'altra tappa fondamentale della propria stagione. La Final Eight di coppa Italia è sempre più alle porte, solo le prime quattro squadre per ciascun girone hanno diritto a presentarsi, ed entrambe le compagini dell'isola sono in più che piena corsa per qualificarsi. I granata di coach Ducarello sono al secondo posto insieme a Biella, alle spalle dell'inarrivabile capolista Casale Monferrato, mentre i biancazzurri guidati da Franco Ciani sono al quarto posto. Ecco perchè l'ultima gara del 2017 è fondamentale per entrambe: la Lighthouse andrà a fare visita alla Benacquista Assicurazioni Latina e con una vittoria sarebbe qualificata matematicamente; la Moncada riceverà sul proprio parquet la Metextra Reggio Calabria, reduce dalla sconfitta proprio contro i granata, e un successo sarebbe un buon viatico per qualificarsi.

Ugo Ducarello non vuole pensare solo alla qualificazione alla Final Eight. La priorità per la sua Lighthouse Trapani è la vittoria sul parquet di Latina, che qualora arrivasse sarebbe la quinta di fila, ma il coach granata pensa ad un successo che sarebbe il viatico giusto per guardare anche al girone di ritorno: "I ragazzi stanno crescendo tanto, stanno prendendo fiducia ed anche chi esce dalla panchina tengono il campo in maniera eccelsa quando vengono chiamati in causa. Latina è una squadra forte, ha il miglior attacco e ha raggiunto un'ottima amalgama, ha il più grande tasso di talento del girone. Noi dovremo essere bravi a leggere la partita ed a capire quando accelerare e quando provare a rallentare i ritmi. Non so se sono cresciuto come allenatore, certamente quest’anno la squadra è diversa e io devo essere bravo a cucire il giusto abito in base al tessuto che ha a disposizione; fino ad oggi le cose sono andate bene e mi auguro che con il lavoro riusciremo a fare sempre meglio. Questo mese per noi è stato molto difficile sia a causa del freddo del PalaConad sia perché qualcuno ha subito qualche acciacco fisico. La Final Eight è un obiettivo a cui dobbiamo pensare, sia come premio per i ragazzi sia per la società".

Anche Franco Ciani non vuole pensare esclusivamente alla possibilità di andare a fare la Final Eight, che nel caso della Moncada Agrigento sarebbe la terza consecutiva in serie A2. Prima c'è da vincere una battaglia a Porto Empedocle contro la Metextra Reggio Calabria, ed ecco che il coach del Gigante elenca pregi e difetti dell'avversario di turno, battendo sempre sullo stesso tasto, ovvero la necessità di affrontare anche la gara contro i calabresi con lo stesso piglio e con l'atteggiamento volenteroso e aggressivo visto negli ultimi incontri di questa prima metà di stagione: "Questa partita per me ha un sapore particolare. Mi aspetto una gara di grande intensità. Reggio Calabria è una squadra di altissimo livello, sarà una gara molto difficile e complessa dove il grande talento di molti giocatori avrà occasione di esprimersi al meglio. Dobbiamo essere pronti ad una battaglia, sarà una prova di maturità importante. La loro difesa è tosta e organizzata, Calvani è un maestro in questo. Dobbiamo essere capaci di giocare la nostra pallacanestro - conclude Ciani - , arginando i giocatori di maggiore talento".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php