Live Sicilia

calcio - serie c

Diana carica la Sicula Leonzio
"È un derby, ma penso solo ai punti"


Articolo letto 449 volte

Il tecnico bianconero presenta la sfida del "Massimino" contro il Siracusa di Bianco.

VOTA
0/5
0 voti

LENTINI (SIRACUSA) - Un derby che annovera qualcosa in più tra i suoi significati. Non fosse altro che le due squadre distano poco più di 50 chilometri. Sicula Leonzio e Siracusa si affrontano per la prima volta nella storia del calcio professionistico, ma Aimo Diana non sembra volersi fare condizionare da questioni esterne e campanilistiche. Al tecnico bianconero interessano solo i risultati, e in conferenza stampa lo ribadisce: "Come già detto, per quanto mi riguarda, è una partita dove ci sono in palio dei punti. Ho approcciato questi giorni, come del resto la squadra, ad affrontare la gara aldilà del derby. Chiaro che dentro di noi sappiamo che è una partita importante, ci tiene soprattutto la gente e i nostri tifosi. Questo deve portare la squadra a dare ancora quel qualcosa in più. Siamo un pò indietro di punti, di condizione e di concetti anche se la squadra ha lavorato con serenità, come è giusto che sia. A mio avviso la condizione atletica non è al massimo. Ci sta che ci siano degli errori anche nella gara di domani. Io voglio seguire una strada, una linea, anche per dare un’identità chiara e precisa aldilà del nostro avversario, Reggina, Siracusa o altre squadre".

Diana ribadisce il concetto espresso all'inizio della conferenza stampa, ovvero il fatto di dover pensare soprattutto a fare punti contro una squadra forte e che ha effettuato un'ottima prima parte di campionato. Il tutto senza stare troppo a sottolineare la spinta emotiva che un derby può portare, che il mister bresciano non poteva non notare nei giorni della preparazione della sfida del "Massimino": "Nell’aria si respira l’aria di derby con le persone che lavorano vicino a noi e nel linguaggio delle persone. L’impegno sarà ma nessuna differenza nella preparazione di tutte le gare. Ho lavorato molto sull’intensità perchè questa squadra deve crescere nel ritmo, abbinata a una buona tecnica dei suoi elementi. La combinazione intensità e tecnica ci può dare una buonissima mano aldilà dei fattori tattici. Se non hai le gambe e la giusta intensità è difficile proporre qualcosa. Nella mezz'ora finale siamo arrivati tardi sulle seconde palle, abbiamo concesso qualcosina. C’è una possibilità di miglioramento, quello che dispiace è che manca troppo poco, 1–2 partite, e poi vi sarà una pausa. Saremo costretti a doverci fermare anche se vi era qualcosa da sviluppare. Faremo una mini preparazione per lavorare nel migliore dei modi".

Dal punto di vista tattico, Diana sembra avere le idee molto chiare, che si basano soprattutto su quanto di buono si è visto al suo debutto in panchina, ovvero lo 0-3 sul campo della Reggina: "Riproporremo il 4-3-3. La squadra è stata costruita, come rimarcato nella conferenza di presentazione, per giocare sugli esterni, quindi, io credo che quella sia la strada. Ci possono essere delle variazioni ma non ci saranno domani. La mia idea è quella di proseguire su questo percorso. Poi si vedrà, andiamo verso una finestra di mercato che sarà importante per capire se ci saranno delle occasioni anche per avere una squadra che possa muoversi in maniera diversa". E per chiudere la conferenza stampa che presenta una partita così importante, Diana ha voluto sottolineare quella che potrebbe essere la chiave della partita contro gli aretusei di Bianco: "Saranno importanti i primi 10′-15′ di gioco per capire l’andamento che poi avrà la gara. Abbiamo preparato la gara nei minimi dettagli, cercheremo di trovare le possibilità per fare male al Siracusa. Mi piace andare a lavorare sul dettaglio. Il Siracusa ha dalla sua i 30 punti che porta in dote".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php