Live Sicilia

calcio - serie d

Modica amaro: "Classifica precaria
Non siamo tutelati dagli arbitri"


Articolo letto 846 volte

Il commento dell'allenatore del Messina sul derby perso contro la Sancataldese.

VOTA
0/5
0 voti

MESSINA - Giacomo Modica mastica amaro. Il suo Messina perde inaspettatamente contro un’ottima Sancataldese, che espugna il “Franco Scoglio” con una prestazione tutta cinismo e solidità. Il tecnico dei peloritani però si lecca di ferite per una sconfitta che interrompe a cinque la striscia di risultati utili consecutivi: “Hanno pesato il gol preso ancora una volta all’inizio e le reti non realizzate nel primo tempo. Nonostante tutto la squadra ci ha messo impegno, dedizione, volontà, applicazione. Abbiamo costruito quattro o cinque occasioni nitide, anche con Rosafio sullo 0-0”.

Il tecnico giallorosso però recita il mea culpa per alcune scelte di formazione fatte: “Abbiamo preso un altro gol su palla inattiva. Zappalà ha centimetri, anche se non credo avesse cercato quella palombella sotto l’incrocio dei pali. Siamo stati un po’ disordinati, sbagliando tante palle importanti a metà campo, ma non meritavamo di perdere. Il 2-0 ci ha tagliato le gambe. Era una rimessa nostra e dopo il cambio battuta credo ci fosse un fallo su Migliorini. Voglio rivedere anche il gol su punizione che ci è stato annullato, arrivato dopo un bello schema. Purtroppo anche gli arbitri non ci tutelano adeguatamente”.

Modica tira le orecchie ai suoi ragazzi, che per la terza partita consecutiva si ritrovano sotto dopo pochi minuti: “Dovremmo chiedere alla Federazione di farci iniziare le partite cinque minuti dopo. L’approccio alla gara è stato ancora una volta sbagliato, devastante ai fini del risultato finale perché si mette tutto in salita. È stato difficile riprenderla, dopo dodici minuti balordi. È chiaro che una partita così vanifica quanto fatto in precedenza. La classifica purtroppo è precaria”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php