Live Sicilia

calcio - serie B

Tedino: "Giocata una signora partita
I ragazzi mi hanno emozionato"


Articolo letto 1.759 volte

Il commento del tecnico del Palermo nel post gara con il Venezia.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Una situazione difficile ed un pareggio che va bene. Vede il bicchiere mezzo pieno il tecnico rosanero Bruno Tedino dopo il pareggio per 0-0 contro il Venezia: "Abbiamo fatto una settimana lavorativa difficilissima - ammette in conferenza stampa - stamattina abbiamo fatto il solito summit sulla situazione ed in questo momento mi sento solo di ringraziare e applaudire un gruppo di lavoro perché alcuni giocatori sono stati veramente bravi. È gente con sotto attributi importanti, l'hanno dimostrato. Quello che non siamo riusciti a fare in diciassette gare l'ho visto oggi in alcuni tratti. Oggi potevano giocare solo 7-8 giocatori. Alcuni hanno recuperato in maniera incredibile. Bellusci e Nestorovski non sono neanche al 50%, hanno voluto giocare in allenamento fino all'ultimo. Si sta formando un gruppo granitico. Ci sono delle difficoltà importanti da superare a livello degli infortuni che non ci fanno lavorare come vorremmo. Perdere Bellusci, Chochev e Nestorovski in un colpo solo non è facile, considerando già le assenze di Morganella e Rolando".

"La squadra non è come una zuppa dove metti gli ingredienti buoni - prosegue Tedino - la squadra ha bisogno di tempo, di aspetti lavorativi che non abbiamo avuto con continuità. Questi sono i nostri limiti negli ultimi cinque mesi di lavoro. Sono emozionato perché fino all'altro ieri Jajalo, Struna e Dawidowicz manco camminavano. Bisogna dare ai ragazzi il giusto merito. In una partita dove, tra le altre, il Venezia ha fatto densità difensiva in maniera estenuante. In altri contesti avevamo prese diverse ripartenze, oggi zero. La squadra ha retto, è stata elastica e razione. Sappiamo benissimo che negli ultimi 20 metri le qualità dei singoli danno una mano. A me Trajkovski è piaciuto come falso nueve, giocando con interscambi con Coronado. La fisicità del Venezia era tale che dovevamo girare tra le mezze posizioni".

Adesso testa al Bari, una partita dove Tedino dovrà fare i conti con una emergenza a centrocampo con le squalifiche di Jajalo e Murawski in vista: "Ho tolto Gnahoré per avere almeno la certezza di avere un centrocampista a Bari. Quella sarà un'altra partita, stiamo già pensando a delle idee con lo staff. Oggi era una partita difficile, devo solo fare un forte applauso alla squadra. Hanno giocato una signora partita. Martedì verificheremo le condizioni di Struna, Bellusci non so se recupererà. Voleva giocare oggi e gli ho fatto i complimenti. Credo che Nestorovski recupererà, è quello con la percentuale più alta. Vediamo di riuscire a fare una squadra, ma è la cosa meno difficile vista la disponibilità dei ragazzi".

Chiosa finale di Tedino con un commento sul mercato che verrà a gennaio: "Faccio fatica a rispondere perché di queste cose se ne occupa Lupo. Ci diciamo qualcosa, ma spiattellarle non va bene. Sono sempre stato leale, dico che vogliamo mantenere il contesto lavorativo e semmai prendere 1-2 giocatori per migliorare. Altrimenti bisognerebbe fare una rivoluzione, ma a gennaio non c'è tempo per gli esperimenti. Semmai la società ed il ds decideranno di migliorare la squadra, dovranno arrivare dei giocatori con l'idea di doversi giocare un posto in squadre. Servirebbero giocatori con doti morali e comunicative con il gruppo, di personalità che non siano per forza vecchi o giovani".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php