Live Sicilia

calcio - serie c

Lucarelli: "Avevamo tutto da perdere
A Trapani gara come tutte le altre"


Articolo letto 1.958 volte

Il tecnico del Catania gioisce per il successo nel derby con l'Akragas e scarica la tensione in vista del prossimo match con i granata.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - La vittoria sull’Akragas, quinta consecutiva, consente al Catania di rosicchiare due punti al Lecce e di prepararsi al prossimo turno con la prospettiva di agganciare la vetta della classifica. I salentini fermati sul pari a Fondi, infatti, sono ormai lì ad un tiro di schioppo (3 punti) e nel prossimo turno rispetteranno il riposo imposto dal calendario mentre i rossazzurri giocheranno a Trapani contro un’altra seria pretendente al salto di categoria. Ma ci sarà tempo per preparare il big-match. Per il momento, gli etnei si godono il non facile successo sugli agrigentini, maturato dopo l’assalto a Forte Apache grazie alla caparbietà di una formazione smaniosa di centrare l’ennesimo successo.

Poco prima di metà ripresa, peraltro, è stato l’innesto di Mazzarani a conferire ulteriore linfa alla manovra rossazzurra, sino al gol liberatorio di Andrea Di Grazia che ha spianato la strada agli uomini di Lucarelli. “L’Akragas aveva eretto un muro invalicabile – ha commentato a fine partita il tecnico rossazzurro Lucarelli – così come avevano già fatto in precedenza contro Trapani e Lecce. Noi avevamo tutto da perdere stasera, anche in riferimento al risultato del Lecce che ha contribuito a trasmetterci pressione ulteriore. Mazzarani ci ha dato quel contributo in più sul piano qualitativo che ci ha consentito di sviluppare in maniera fluida la nostra manovra. Forse, nel primo tempo, poteva starci il rigore su Aya ma, ultimamente, non siamo particolarmente fortunati sulle decisioni arbitrali. Tuttavia, è anche vero che avremmo dovuto sfruttare meglio alcune occasioni capitateci e non è la prima volta. Ancora oggi mi fa tanta rabbia la gara persa a Reggio Calabria. Il Trapani? Ho già spiegato ai ragazzi che quella del ‘Provinciale’ sarà una partita come tutte le altre. Non dobbiamo caricarla di eccessiva attesa perché ritengo che qualsiasi risultato non sarà decisivo. Le sorti del campionato si decideranno all’ultima curva e - per adesso - non dobbiamo guardare la classifica. Voglio stare davanti a tutti ad aprile. Il nostro unico obiettivo adesso è quello di cercare di vincere ogni partita”.

Deluso, ma realista, il vice allenatore akragantino, Leo Criaco che ha sostituito in panchina lo squalificato Raffaele Di Napoli costretto a seguire il match dalla tribuna A dello stadio ‘Massimino’. “Ad inizio gara non abbiamo saputo sfruttare le nostre occasioni per andare in rete – sottolinea l’ex difensore messinese – e dopo aver subito il primo gol la gara è finita. Adesso speriamo di dare continuità sotto il profilo delle prestazioni perché dobbiamo tornare a far punti per tirarci su in classifica. Speriamo in un episodio a nostro favore che riesca a sbloccarci. La crisi societaria non influisce più di tanto sulle nostre prestazioni. Siamo dei professionisti e dobbiamo sempre cercare di dare il meglio”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php