Live Sicilia

calcio - serie b

Palermo, tre gol all'Avellino
Ritorno immediato al successo


Articolo letto 5.630 volte

I rosanero salgono a quota 28 grazie al successo del 'Partenio'. Autogol di Molina, poi Gnahorè e Nestorovski.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Rallentano tutte, tranne il Palermo che ritrova la vetta solitaria in attesa del Bari che domani giocherà nel derby contro il Foggia. La notizia è però quella della prestazione messa in campo dai rosanero di Tedino al 'Partenio' contro l'Avellino che si portano a casa un 3-1 (autorete Molina, Gnahorè, Nestorovski) dopo il 3-0 subito meno di una settimana fa al 'Barbera'. Un'altra squadra, concreta e cinica che anche in dieci (espulso Cionek al 36') riesce a mantenere il risultato invariato e anzi continuare a segnare con il proprio bomber Nestorovski che trova la doppia cifra e si riprende la vetta del campionato approfittando delle contemporanee sconfitte di Parma e Venezia (ko con Carpi e Novara, ndr) e del pareggio spettacolare per 3-3 di ieri fra Frosinone ed Empoli.

AUTORETE E ROSSO Il match inizia sotto buoni ritmi con le due squadre che si sfidano a centrocampo anche con interventi ai limiti del cartellino. I rosa, come gli capita spesso in trasferta, si fanno preferire sul piano dell’impostazione del gioco e si presentano davanti la porta di Lezzerini in almeno tre occasioni con il portiere irpino sempre pronto sopratutto su una pericolosa conclusione di Jajalo da fuori area che l’estremo difensore è costretto a deviare in corner.

L’Avellino prova a pungere con Molina con un tiro che finisce sul fondo dopo una deviazione e poco dopo lo stesso Molina è ancora protagonista stavolta negativo con una deviazione decisiva su un tocco di Chochev che mette fuori gioco Lezzerini. I rosa passano in vantaggio fortunosamente ma la buona sorte volta le spalle agli uomini di Tedino con il rosso diretto che Nasca commina a Cionek. Il polacco stende senza mezzi termini Castaldo ai limiti dell’area e si merita l’espulsione. E’ l’episodio che chiude il primo tempo.

GNAHORE’ POI ASSEDIO IRPINO Tedino al rientro in campo si copre dall’espulsione di Cionek e inserisce Szyminski al posto di Chochev. I rosa partono col piglio giusto e alla prima azione orchestrata lanciano un contropiede con Coronado che imbecca perfettamente l’accorrente Gnahorè che non ci pensa sù due volte e calcia un potente destro che supera Lezzerini. I siciliani trovano il doppio vantaggio nonostante l’inferiorità numerica con Novellino che trasforma il suo Avellino in iperoffensivo inserendo Laverone e Bidaoui ed il giovane attaccante brasiliano Asencio. L’effetto è quello di un mini assedio alla porta di Posavec che non sortisce effetti.

NESTOGOL LA CHIUDE A segnare ancora è invece il Palermo che sfrutta un’altra ottima azione orchestrata da Coronado che trova Jajalo in area di rigore e che a sua volta pesca Nestorovski che come un falco batte Lezzerini per la terza volta con un sinistro potente e preciso. I rosa possono dunque pensare d’aver già chiuso il match quando manca ancora un quarto d’ora ma l’Avellino risponde subito con Asencio che trova il gol della bandiera sperando in un recupero nel finale. Gli irpini tirano però il fiato ed il Palermo si chiude bene portando a casa un risultato ottimo per la riconquistare la vetta. I siciliani tornano infatti in testa da soli in attesa del match del Bari domani.

IL TABELLINO

Reti: Molina (aut.) 36', Gnahorè 48', Nestorovski 76', Asencio 80'.

AVELLINO: 22 Lezzerini; 15 Ngawa, 6 Migliorini, 3 Marchizza (Laverone 55'); 17 Molina, 20 Paghera (Bidaoui 50'), 4 Moretti, 8 D’Angelo (cap.), 13 Falasco; 10 Castaldo, 9 Ardemagni (Asencio 62'). A disp: 1 Radu, 12 Iuliano, 5 Kresic, 7 Camarà, 16 Gliha, 24 Evangelista, 25 Suagher. All: Walter Novellino.

PALERMO: 12 Posavec; 15 Cionek, 6 Struna, 2 Bellusci; 3 Rispoli, 13 Gnahoré, 8 Jajalo, 18 Chochev (Szyminski 46'), 19 Aleesami; 10 Coronado (Murawski 79'); 30 Nestorovski (La Gumina 86'). A disposizione: 1 Maniero, 22 Pomini, 4 Accardi, 7 Trajkovski, 11 Embalo, 21 Fiordilino, 26 Santoro, 33 Petermann. All: Bruno Tedino.

ARBITRO: Luigi Nasca (Bari).

NOTE - Ammoniti: Paghera 45', Migliorini 68'. Espulsi: Cionek: 36'.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php