Live Sicilia

calcio - Palermo

"A Cremona gran vittoria
Nestorovski è un leader"


Articolo letto 1.788 volte

Il patron rosanero ha parlato all'indomani del successo sul campo della Cremonese.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO – Torna a parlare il patron del Palermo, Maurizio Zamparini, all’indomani della bella vittoria in rimonta in trasferta contro una Cremonese ambiziosa ed imbattuta in casa. Una prova di forza che vale anche il primato in classifica: “È stata molto importante e dimostra il lavoro di Tedino. È stata una partita molto difficile perché la Cremonese è una squadra molto forte. Mi è dispiaciuta alla fine la dichiarazione di Tesser, perché noi non abbiamo rubato nulla e non c’era assolutamente il rigore”.

Fondamentale la collaborazione della federazione bulgara e macedone, che ha reso disponibili Chcochev e Nestorovski, ieri determinanti a Cremona: “Siamo contenti che siano rimasti, sono giocatori molto importanti, ma siamo invece scontenti di non essere stati ascoltati dalla nostra federazione. Speriamo che in futuro si cambi”.

Il rinnovo appena annunciato di Ilija Nestorovski fino al 2021 rappresenta l’ennesimo attestato di stima verso il capitano rosanero: “Siamo orgogliosi di rinnovare, oltre che con il giocatore, con l’uomo e proprio per questo è il nostro capitano. Ci scambiamo anche dei messaggi prima delle partite, è un trascinatore per tutta la squadra. Anche se ieri non ha fatto gol è stato comunque determinante. Sono felice che rimanga con noi per il progetto che deve andare avanti con altri acquirenti ai quali da sei mesi però ho detto loro che se non ci sono i soldi dovremo sacrificare Nestorovski perché la società deve coprire i costi con le entrate”.

Lunedì prossimo al 'Barbera' arriva il Cittadella: “Tedino ha già avvisato la squadra, lui teme molto il Cittadella, la conosce bene e sa che tipo di ostacolo c’è, sa che va affrontato con la massima concentrazione. Di certo non pensa che sia una squadra debole. È una delle partite più difficili, ma tutta la serie B è difficile. Mi ricordo di quando avevamo in squadra giocatori del calibro di Dybala e Vazquez ed ogni partita era un combattimento”.

Intanto si stanno consumando i primi giorni da presidente del Palermo per Giovanni Giammarva, stimato professionista palermitano che rappresenterà la società di viale del Fante presso tutte le istituzioni: “Giovanni è una persona che io stimo molto. Ieri al telefono gli ho detto che mi auguro che possa essere un presidente fortunato. Perché io invece sono sempre stato abbastanza sfortunato e rognato, non ho mai avuto la fortuna che mi ha aiutato. Magari lui potrà portarci fortuna e sarà ben accetta”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php