Live Sicilia

calcio - serie d

Un punto e qualche rimpianto
Il Messina ferma l'Ercolanese


Articolo letto 319 volte

Al rigore di Cocuzza risponde Prisco nella ripresa. Buona la prova dei peloritani che sembrano ritrovarsi partita dopo partita.

VOTA
0/5
0 voti

ERCOLANO (NAPOLI) - Un punto, tanti segnali positivi e anche qualche rimpianto. Al “Solaro” di Ercolano il Messina strappa un ottimo 1-1 mettendo paura alla terza forza del campionato, continuando quel percorso di crescita iniziato con i successi contro Palazzolo e Igea Virtus. I giallorossi dominano per mezzora e sbloccano la gara al 21’ grazie ad un penalty messo a segno da Cocuzza. L’ercolanese rimane in dieci per il doppio giallo inflitto, ad inizio ripresa,all’idolo di casa, l’attaccante El Ouazni seguito poco dopo da Bruno. In dieci contro dieci arriva il pari dell’Ercolanese grazie a Prisco al minuto 70.

Il forfait di Migliorini costringe Modica a rimescolare un po’ le carte anche se rimane l’ormai consueto 4-3-3. Lia e Polito sono i terzini, confermata la coppia di centrali formata da Manetta e Bruno. Come regista c’è l’importante chance per Pezzella, fresco di nozze, mentre a completare la mediana ci sono Maiorano e Lavrendi. In attacco ci pensano Mascari e Rosafio ad innescare Cocuzza. Al 12’ bell’azione del Messina che dà subito l’impressione di essere entrato in campo con la giusta grinta, traversone di Lia per Rosafio che fa la sponda per Lavrendi che calcia al volo da dentro l’area di rigore, pallone di poco alto sopra la traversa. Poco dopo ancora Lia, imprendibile sulla destra, innesca Mascari in area, ma l’inzuccata di Mascari è potente m,a centrale e Mascolo controlla senza problemi. A fare la partita è il Messina e al 21’ arriva il vantaggio ospite, grazie ad un bel traversone di Rosafio dalla destra che pesca sul secondo palo Mascari che viene travolto da Pastore: il direttore di gara indica il penalty. Dagli undici metri si presenta Cocuzza che spiazza Mascolo e va a festeggiare sotto il settore ospiti occupato da un centinaio di tifosi giunti dalla Sicilia. Giallorossi meritatamente in vantaggio. I granata di fanno vedere dopo la mezzora con un colpo di testa di Costantino, ma Meo è attento. Il Messina sfiora il raddoppio al 36’ grazie ad un bel sinistro dal limite di Rosafio, uno dei migliori, ma Mascolo c’è. Al 38’ occasione colossale per i campani, corner di Arciello che trova Costantino che colpisce di testa tutto solo. Ma la palla termina di poco alta. Il Messina va negli spogliatoi meritatamente avanti, perché la supremazia territoriale degli ospiti è stata netta per almeno mezzora. Poi è uscita l’Ercolanese che comunque non è quasi mai riuscita ad impensierire Meo.

Squillante prova a ridisegnare la squadra inserendo Rekik e Pirsco al posto di Arciello e Fontana. La gara però si ancora più in discesa per gli ospiti, visto che il pericolosissimo attaccante italo marocchino, El Ouazni racimola la seconda ammonizione della sua gara, per via di un colpo di mano dopo una punizione laterale che ha mandato la palla sulla traversa. Clamorosa ingenuità dell’attaccante granata, che costringe i suoi a giocare in dieci tutta la ripresa. L’iinferiorità numerica però non scompone più di tanto i vesuviani che attaccano a testa bassa, segno di un piglio completamente diverso rispetto alla prima frazione di gioco. Al 65' tocca a Maiorano scaldare da lontano i guantoni di Mascolo, che para la conclusione del centrocampista giallorosso. Poco dopo ancora pericolosa l’Ercolanese sugli sviluppi di un corner è Costantino a colpire liberamente di testa, palla sul fondo. Al 68’ viene ristabilita la parità numerica, quando Tedesco viene atterrato da Bruno che riceve il secondo giallo dal signor Galipò di Forenze. Il Messina paga subito dazio, perché sugli sviluppi della punizione arriva inzuccata vincente di Prisco che ristabilisce la parità. Peloritani che si dimostrano ancora una volta carenti nella gestione delle situazioni da palla inattiva. Modica così decidce di inserire Colombini per Cocuzza. Il Messina però risponde, bell’azione di Rosafio che trova Lia sull’out di destra che mette in mezzo, Mascari non ci arriva ma Lavrendi sì, ma la difesa granata si salva. All80’ siciliani ancora vicini al vantaggio, Maiorano apparecchia la tavola per la conclusione di Lia da buona posizione, ma la difesa vesuviana fa muro fa ancora una volta muro. Poco dopo vibranti proteste per gli ospiti, Rosafio viene lanciato a rete e atterrato da Mascolo in uscita, ma il direttore di gara non indica il dischetto.

E’ l’ultimo brivido di un match divertente e ben interpretato da un Messina che forse può recriminare per qualche occasione sprecata. Se quello del “Solaro” doveva essere un esame di maturità, la squadra di Modica lo ha passato con un voto abbastanza alto, visto che i 12 punti in classifica in favore dei granata non si sono per nulla visti. Occorre lavorare e migliorare la gestione di alcune situazioni, soprattutto quelle da palla inattiva. I passi in avanti però ci sono e sono evidenti, l’attacco punge, la difesa non scricchiola in continuazione e stanno emergendo anche alcune individualità, su tutte quelle di Rosafio e del giovanissimo Lia, nota sempre più lieta del Messina di Giacomo Modica.

Tabellino

Ercolanese-Messina 1-1

Marcatori: 21’ rig. Cocuzza, 70’ Prisco.

Ercolanese - Mascolo, Rossi, Esposito (64’ Fusco), Costantino, Pastore, Pozziello ( 64’ Giacobbe), Arciello (46’ Rekik), Fontana (46’ Prisco), El Ouazni, Vitiello, Tedesco (79’ Varchetta). A disposizione: Buoniconte, Todisco, Platone, Minopoli. Allenatore: L. Squillante.

Acr Messina - Meo, Lia, Polito, Pezzella, Manetta, Bruno, Rosafio (93’ Ragosta), Maiorano (87’ Mariani), Mascari (93’ Carini), Cocuzza (69’ Colombini), Lavrendi. A disposizione: Gagliardini, Bucca, Cozzolino, Bossa, Bonadio. Allenatore: G. Modica.

Arbitro: S. Galipò di Firenze.

Assistenti: G. Dell’Orco di Policoro; A. Signore di Venosa.

Ammoniti: El Ouazni, Pastore, Meo, Polito, Bruno.

Espulsi: 47 ‘ El Ouazni per doppia ammonizione, 69’ Bruno per doppia ammonizione.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php