Live Sicilia

calcio - serie c

Il Siracusa insidia il Lecce
Bianco: “Si prepara da sola”


Articolo letto 1.683 volte

Al ‘De Simone’ gli aretusei proveranno a fare lo sgambetto ai salentini, primi della classe.

VOTA
0/5
0 voti

SIRACUSA – Il Siracusa dopo la vittoria esterna a Reggio Calabria è chiamato ad un’altra prova di maturità: domani al ‘De Simone’ arriva la capolista Lecce per un incontro che promette tanto spettacolo. “È una sfida facile da preparare, gli stimoli vengono da soli a differenza di altre gare come contro la Paganese. Il risultato è evidente, ma con lo spirito giusto ce la giochiamo con tutti – ha detto il tecnico del Siracusa, Paolo Bianco –. La trasferta di Reggio oltre i tre punti ci ha lasciato tante certezze, tante sicurezze, tanta autostima e tanta convinzione ed è quello che ci servirà domani contro la prima della classe, contro dal mio punto di vistala squadra più attrezzata di questo campionato. Noi siamo pronti, mentalmente e fisicamente e abbiamo voglia di giocarci questa partita. Penso sia il momento perfetto per finire questo mini ciclo e poi riaprirne un altro, ma intanto pensiamo alla gara di domani che è un match che tutti vorrebbero giocare”.

Intanto il Siracusa è stato multato per i recenti episodi che hanno avuto per protagonista una parte di tifo azzurro: “Mi piace vedere tanti tifosi in trasferta sostenere la squadra. Mi piace vedere il nostro azzurro negli stadi del Girone C. Questo però non nasconde le macchie di alcuni comportamenti – ha detto il patron del Siracusa, Gaetano Cutrufo –. Ancora una volta siamo stati sanzionati per l'esplosione di petardi. I sostenitori del Siracusa si sono sempre distinti per correttezza. Gli sfottò (ma solo quelli) ci possono stare, come la rivalità. Ma il comportamento di una sparuta parte della nostra tifoseria che insiste con certi atteggiamenti non è in linea con il nostro stile. Mi sento di dirlo perché in società abbiamo dato una impronta chiara alla nostra gestione. Vogliamo essere una società modello e accogliente. Il nostro stadio deve essere accogliente esattamente come è la città nei confronti dei visitatori e dei forestieri. E ovviamente questo è l'atteggiamento che speriamo di trovare anche quando i nostri sostenitori vanno in trasferta – ha concluso Cutrufo –. Ho vissuto con imbarazzo, forse anche vergogna, alcuni comportamenti registrati nell'ultimo periodo. Questi soggetti, evidentemente, non vogliono il bene della società, della squadra e di tutti i tifosi rispettosi delle regole”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php