Live Sicilia

calcio - serie c

Siracusa ko, Bianco fa mea culpa
E Cutrufo si scaglia contro l’arbitro


Articolo letto 1.454 volte

Il tecnico si assume le colpe dello scivolone interno contro la Paganese, ma il patron dei leoni non è affatto contento dell'arbitraggio.

VOTA
0/5
0 voti

SIRACUSA – Una sconfitta che brucia, una prova opaca che ha fatto andare su tutte le furie il tecnico degli aretusei Paolo Bianco che in conferenza pre gara era stato più lungimirante dei suoi ragazzi, ammonendoli delle possibili insidie che potevano celarsi dietro la Paganese. Il Siracusa esce ridimensionato dal ‘De Simone’, sconfitto meritatamente dall’ultima della classe. I due gol messi a segno da Scardina e Magnani rendono meno amaro il ko, ma andare sotto in casa 3-0 contro una squadra in grande difficoltà non è certamente da Siracusa. “Sicuramente non siamo maturi – ha ammesso Bianco al termine del match –. La colpa è mia perché non sono riuscito evidentemente a trasmettere l’importanza di questa gara. Avevo preannunciato anche nella conferenza della vigilia che sarebbe stata una partita ricca di insidie, ma se poi abbiamo fatto questo tipo di prestazione vuol dire che non sono stato bravo io a trasmettere la giusta attenzione alla partita. Non possiamo far altro che rituffarci nel campionato perché per fortuna martedì si rigioca subito e sicuramente dobbiamo cambiare atteggiamento tutti. Io in primis”.

Dopo la scottante caduta casalinga, anche il capitano Fernando Spinelli ci mette la faccia ed indica la strada per rialzare subito la testa martedì nel turno infrasettimanale contro la Reggina: “L’intenzione è quella di riproporre gli ultimi minuti di partita, soprattutto a livello nervoso stiamo facendo bene nelle ultime gare. Quindi dobbiamo continuare su questa strada, riproporre quegli ultimi minuti che hanno funzionato di più in questa partita. Perdere in casa dà molto fastidio – ha aggiunto il capitano dei leoni –. Per noi è una fortuna avere un’altra partita tra pochi giorni però dobbiamo continuare a lavorare per migliorare l’atteggiamento”.

Contrariato il patron Gaetano Cutrufo, secondo il quale la prestazione incolore dei suoi è stata condizionata da un arbitraggio non adeguato: “Non intendo cercare scuse e non voglio nascondere la prestazione opaca della squadra. Detto questo però quello che ho visto oggi in campo non mi è proprio piaciuto. Tutte le squadre meritano rispetto e non è possibile assistere a spettacoli come quello di oggi. Un arbitraggio inadeguato che ha certamente condizionato il nostro gioco. Non è giusto nei confronti di chi compie sforzi e ha pieno diritto di avere un giudizio imparziale, non confuso e soprattutto coerente. Tutto questo oggi al ‘De Simone’ non si è visto. Guardiamo avanti, pensiamo ai prossimi impegni, ma chi ne ha la responsabilità tenga conto di quanto accaduto oggi”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php