Live Sicilia

calcio - serie d

L'Acireale continua a correre
Isola di Capo Rizzuto va ko


Articolo letto 705 volte

Infantino la vince con i cambi, inserendo nella ripresa Dadone e Gualdi, quest’ultimo a segno per il gol decisivo.

VOTA
0/5
0 voti

ACIREALE - Testa bassa, e pedalare. Come ordinava il Paròn Nereo Rocco, l'Acireale di mister Infantino chiude occhi e orecchie su, passato, presente, futuro ed eventuali incidenti di percorso della società e resta concentrato su quello che c'è da fare sul campo. Nel caso specifico, affrontare, ed eventualmente battere l'isola Capo Rizzuto fanalino di coda.

Per l'occasione mister Infantino schiera difesa e attacco titolari simi, mentre a centrocampo turno di riposo per Lombardo, sostituito dall'esordiente Albertini. Ospiti già inguaiati in classifica, mai a segno lontano da casa, e orfani anche del loro principale realizzatore, infortunato. Insomma, le premesse sono quelle di un pomeriggio tranquillo, o di festa, considerando anche la. Chiamata alle armi dei tifosi per riempire lo stadio e dare sostegno, anche economico, a squadra e staff tecnico. Invece per più di venti minuti la squadra ospite tiene botta, e riesce a imbrigliare la formazione granata, che non riesce a creare situazioni pericolose. D'altra parte, gli ospiti non pungono, e la gara viene fuori bloccata e noiosa. Addirittura la prima conclusione è degli ospiti con una girata di Leto dentro l'area di rigore, tiro debole e sul fondo. Anche la seconda occasione è per gli. Ospiti, ed è colossale: buco della difesa granata, Galli arriva a tu per tu con Barbieri, lo salta e tocca verso la porta vuota, ma Lordi salva sulla linea. Prima dell'intervallo ancora giallorossi pericolosi con un tiro centrale di Scuderia. L'Acireale? Non pervenuto. I ragazzi di Infantino sembrano aver lasciato testa ed energie a Palmi.

Mister Infantino non è affatto contento del primo tempo dei suoi, e in avvio di ripresa toglie un Palermo impalpabile mettendo dentro Dadone, e poi Sciannamè per Gualdi. La musica cambia subito: un colpo di testa velenoso proprio di Dadone si spegne di poco lontano dal l'incrocio dei pali. Poi ci prova Testardi, sempre di testa, su cross di Cocimano, palla alta. Al terzo tentativo però i granata fanno centro. Scorribanda di Dadone, cross in mezzo allontanato dalla difesa, ma arriva in corsa l'altro neoentrato, Gualdi che scaglia un siluro che non lascia scampo a Lamberti. L'Acireale insiste è Barraco dal limite prova la mezza girata spettacolare palla alta. La partita rimane noiosa. A parte qualche mischia in area calabrese su punizione o su corner succede poco. Ma quando la gara sembra in pieno controllo per gli accesi, il colpo di scena: Tumminelli, già ammonito, rimedia il secondo giallo, e quindi il rosso. Con l'uomo in più l'isola Capo Rizzuto prova a cercare il pareggio. Il tentativo firmato Leto è, però, centrale. È alto anche il secondo tentativo di Leto, ma secondo l'arbitro tocca Barbieri. Viene assegnato un corner che non c' era, sul quale si accende una furibonda mischia, che però si conclude con una parata in tu forza di Barbieri. Ancora Barbieri protagonista sul tiro dalla lunghissima distanza di Dicuonzo, palla bloccata. I granata resistono anche all'assessore finale dei calabresi, e portano a casa un successo sofferto in quella che sembrava dovesse essere la partita più facile.

L'Acireale insomma, continua a correre. Ma la vittoria importante, adesso, deve arrivare lontano dal campo, nel chiuso delle stanze della società.

ACIREALE-ISOLA CAPO RIZZUTO 1-0

Marcatori: 14' st Gualdi (A)

Acireale (3-4-3): Barbieri; Tumminelli, Manes, Lordi; Sciannamè (1' st Gualdi) , Lo Nigro (23' st Di Maio), Palermo (1' st Dadone), Albertini; Cocimano (29' st Aloia), Testardi, Barraco(41' st Scapellato). A disposizione: Scapolo, Di Maio, Maccioni, Pannitteri, Almiron. Allenatore: Infantino.

Isola Capo Rizzuto (4-4-2): Lamberti; Maiano (41' st Calabretta), Dicuonzo, Sangaré, Cassaro; Mirabelli, Gondra, Leto, Zaccaria (36' st Prestinice); Galli (23' st Colacchio), Scuteri. A disposizione: Pullano, Baiata, Assisi, Bruno, Caterisano, Cava. Allenatore: Mesiti.

Arbitro: Forest di Nola.

Note: ammonito Testardi per l'Acireale, Sangaré e Dicuonzo per l'Isola Capo Rizzuto. Espulso. Per doppia ammonizione Tumminelli per l'Acireale. Angoli 2-1 per l'Acireale.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php