Live Sicilia

calcio - serie c

Calori si gode la vittoria
"Ma ora pensiamo al Rende"


Articolo letto 989 volte

Il tecnico del Trapani parla dopo il successo sull'Akragas, ma non vuole rilassamenti.

VOTA
0/5
0 voti

TRAPANI - Era fondamentale tornare a vincere davanti al pubblico amico, e il risultato ricercato è arrivato, pur non senza fare fatica. Il Trapani riscatta l'esito dell'ultima recita stagionale al 'Provinciale', quel 3-3 contro il Catanzaro in cui i granata avevano dilapitato un vantaggio di tre reti, e con il successo di misura contro un'arcigna e determinata Akragas ottiene la seconda affermazione di fila, dopo quella piuttosto netta ottenuta sette giorni fa sul campo del Bisceglie. Una partita in cui la formazione allenata da Alessandro Calori ha dovuto tirare fuori gli attributi, lasciando da parte almeno per una partita le finezze e facendo emergere più la quantità e la voglia rispetto alla qualità e alla fantasia. È venuta fuori dunque una vittoria 'sporca', una di quelle necessarie per portare a casa la vittoria in un campionato duro e ricco di insidie come la serie C. E ora quella vetta della classifica, resa distante da un paio di prestazioni negative a metà ottobre, torna ad essere più vicina per il Trapani che guarda con maggiore entusiasmo alle ultime gare di questo 2017.

Ed emerge soddisfazione anche dalle dichiarazioni rilasciate al termine dell'incontro da Alessandro Calori. Il tecnico granata ammette che non è stato facile avere la meglio sull'Akragas, soprattutto per l'organizzazione del Gigante che non ha permesso di arrivare con facilità alla conclusione, sia prima che dopo il gol di Silvestri che ha deciso l'incontro: "Abbiamo fatto una partita attenta in difesa, abbiamo avuto delle situazioni nel primo tempo per chiuderla subito - ha dichiarato Calori - . Abbiamo sofferto un po' ma lo sapevo, l'Akragas è una squadra organizzata che concede poco, quindi bisogna essere bravi a colpirla nei momenti giusti. Siamo stati bravi a farlo, ma potevamo fare meglio in alcune situazioni. In ogni caso era importante vincere e portare a casa i tre punti nella propria città, ci stiamo abituando sempre più in fretta a questo campionato. In partite del genere bisogna lasciare da parte il fioretto e mettersi in mano la spada, i ragazzi lo hanno capito e hanno giocato bene. Possiamo fare ancora meglio, ma mi è piaciuta la praticità della squadra".

Un Calori che confessa l'importanza di riuscire ad infondere alla squadra le giuste sensazioni alla vigilia di ogni partita. Non tutte le gare, infatti, possono essere giocate dai granata allo stesso ritmo o con le stesse caratteristiche. Lo stesso tecnico lo sa e ammette di essere molto soddisfatto dopo aver visto una squadra capace di soffrire ma anche di giocare con pazienza, al cospetto di una squadra ben disposta nella propria metà campo: "A volte bisogna viaggiare col turbo, in altre occasioni bisogna invece essere dei diesel. Il nostro obiettivo era quello di far correre a vuoto gli avversari, per poi andare alla ricerca dell'imbucata giusta. Non concedere occasioni all'avversario è qualcosa di importante, è chiaro che vorremmo vincere ogni partita 5-0, ma non è possibile. Ora ci sono tre partite consecutive, devo anche gestire le energie dei ragazzi, ma al momento di scegliere la formazione per l'Akragas non stavo pensando già al Rende. Ora iniziamo a pensare alla prossima partita - conclude Calori in conferenza - , però era fondamentale concentrarsi prima sull'Akragas e vincere questa partita".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php