Live Sicilia

calcio - serie c

Sicula Leonzio, serie interrotta
Il Rende la spunta con merito


Articolo letto 729 volte

Una rete di Laaribi alla mezz'ora condanna i bianconeri, sconfitti dopo due vittorie consecutive.

VOTA
0/5
0 voti

RENDE (COSENZA) - Si interrompe in Sila la striscia positiva della Sicula Leonzio, che cade di misura sul campo del Rende ed è costretto dunque a fermarsi alle soglie della virtuale zona playoff. È stata una partita in cui la formazione bianconera ha subito a lungo l'intraprendenza della compagine di casa, che ai punti ha meritato di portare a casa l'intera posta in palio. Decide una rete messa a segno da Laaribi intorno alla mezz'ora del primo tempo, ma in generale sono stati bravi i calabresi a bloccare sul nascere gran parte dei tentativi che la compagine allenata da Pino Rigoli (espulso in un finale piuttosto convulso e nervoso) ha provato a proporre per cercare di portare a casa un pareggio. Nel complesso, la prestazione fornita dai leontini è stata meno convincente rispetto a quelle decisamente convincenti che si sono viste sul campo di Catania, prima contro i rossoazzurri e poi contro l'Akragas. Ora c'è una settimana in cui la Leonzio può ricaricare le batterie, resettare la mente dopo una sconfitta che comunque può starci nel cammino di una neopromossa.

Prova a rendersi subito pericolosa la Sicula con una conclusione da fuori di Gammone che sfiora il palo, poi il Rende avanza il baricentro e ci prova con Gigliotti: la zuccata del francese è fuori misura davvero di poco. Le squadre giocano a ritmi alti ma non si fanno del male, poi all'improvviso D'Angelo cerca il bis della rete realizzata contro l'Akragas, ma calcia debolmente verso la porta di Forte. Decisamente più pericoloso Vivacqua, che allo scoccare della mezz'ora impegna severamente Narciso, il quale è poi battuto un paio di minuti dopo: Laaribi calcia da fermo, la palla passa sotto la barriera e beffa il portiere bianconero. I padroni di casa provano ad approfittare dello sbandamento ospite, Vivacqua cerca ancora il gol ma la sua zuccata al 36' non è precisa. La Sicula Leonzio prova a scuotersi nel finale di frazione, ma di fatto non c'è nulla da segnalare prima del segnale di chiusura di un primo tempo giocato bene da entrambe le compagini.

In avvio di ripresa Rigoli gioca la carta Bollino al posto di D'Angelo, prima di gettare nella mischia Ferreira al posto di Gammone. Va all in il tecnico bianconero, ma di fatto nella prima parte di gara non si segnalano pericoli per la porta difesa da Forte, complice anche l'ottimo schieramento del Rende che copre gli spazi e non si nega qualche ripartenza, anch'essa però poco pericolosa. I calabresi cercano di muovere la palla il più lontano possibile dalla propria porta, allora gli ospiti devono provarci da fuori area: a metà ripresa calcia Esposito da oltre 20 metri, la palla però si perde a fondocampo. Sicula Leonzio che prova ad accelerare nel finale, Forte deve prodigarsi in un'uscita tempestiva per anticipare Arcidiacono a pochi passi dalla porta, poi sale un po' di nervosismo da entrambe le parti e a farne le spese è Rigoli, allontanato a pochi minuti dal 90'. L'ultimo brivido lo procura bollino, che nel quarto minuto di recupero ci prova su punizione ma non trova la porta.

TABELLINO

RENDE - SICULA LEONZIO 1-0 (32' Laaribi)

RENDE - Forte, Pambianchi, Marchio, Sanzone, Viterriti, Gigliotti (78' Boscaglia), Laaribi, Rossini, Blaze, Actis Goretta (76' Godano), Vivacqua (90' M.Modic).

SICULA LEONZIO - Narciso, Aquilanti, Camilleri, Gianola, De Rossi, Marano, Esposito (82' Bonfiglio), D'Angelo (47' Ferreira), Squillace, Gammone (46' Bollino), Arcidiacono.

ARBITRO - Francesco Luciani

AMMONITI - Gammone, Camilleri, Forte, De Felice (dalla panchina). Espulso il tecnico della Sicula Leonzio Rigoli all'86'.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php