Live Sicilia

calcio - serie c

Pino Rigoli si prende la rivincita
La Leonzio batte il Catania nel derby


Articolo letto 4.229 volte

Con un gol per tempo di Squillace e Bollino la formazione di Lentini gela il ‘Massimino’. La rete di Bogdan non serve ad evitare la sconfitta ai rossazzurri.


CATANIA - Karakiri Catania. I rossazzurri perdono in casa al cospetto di una Leonzio ben organizzata che ha approfittato della serata di scarsa vena degli uomini di Lucarelli sembrati troppo impacciati e macchinosi a dispetto di un avversario agile e ben messo in campo dal suo allenatore. Ed è stata la rivincita in grande stile di Pino Rigoli, su tutto il fronte. Il tecnico lentinese ha imbrigliato a dovere la squadra etnea mentre hanno convinto poco le scelte iniziali di Lucarelli che ha poi tentato di correggere in corsa l’assetto con le varie sostituzioni, senza riuscire nell’intento di recuperare il risultato.

L’attesa era tanta ma il Catania ha iniziato a fari spenti, prestando il fianco alle veloci ripartenze bianconere. Su una di queste, condotta dallo sgusciante Arcidiacono, Squillace ha indovinato un gran diagonale che ha infranto la lunga imbattibilità di Pisseri. I rossazzurri hanno stentato a ritrovare il bandolo della matassa ma, sul finire del primo tempo, Ripa ha fallito il comodo pareggio scagliando il pallone contro la traversa da due passi.

Nella ripresa i rossazzurri, forti anche dell’innesto di Russotto, hanno pressato con maggiore continuità prestando, però, il fianco alle ripartenze lentinesi. Su una di queste, una leggerezza di Bogdan sulla trequarti ha lasciato campo libero a Gammone sulla cui conclusione Pisseri ha solo potuto respingere alla meno peggio consentendo a Bollino di indirizzare comodamente in rete il pallone del raddoppio ospite.

Sul “Massimino” è calato il gelo e nel generoso finale il Catania è riuscito, con la forza della disperazione, a dimezzare lo svantaggio con un colpo di testa di Bogdan ma non ad agguantare l’avversario. Anzi, i padroni di casa hanno chiuso anche in inferiorità numerica per l’espulsione di Bucolo che ha spintonato un avversario reo di aver prima - forse - ostacolato Correia in piena area.

I rossazzurri escono ridimensionati dal derby, anche perché il Lecce ha vinto a Matera allungando in classifica. Una battuta d’arresto sulla quale meditare e riflettere affinchè se ne possa fare tesoro in prospettiva futura, a cominciare dalla prossima trasferta a Reggio Calabria.

Il tabellino

CATANIA-SICULA LEONZIO 1-2

Reti: 33°p.t. Squillace (SL); 21°s.t. Bollino (SL); 37°s.t. Bogdan (CT);

CATANIA (3-5-2) – Pisseri, Aya, Tedeschi (dal 15°s.t. Marchese), Bogdan, Esposito M., Mazzarani (dal 15°s.t. Di Grazia), Lodi, Biagianti (k) (dal 31°s.t. Bucolo), Djordjevic (dal 38°p.t. Russotto), Ripa (dal 15°s.t. Correia), Curiale. A disposizione: Martinez, Semenzato, Blondett, Lovric, Manneh, Caccetta, Fornito. Allenatore: Cristiano Lucarelli.

SICULA LEONZIO (3-5-1-1) – Narciso (k), Gianola, Camilleri, Aquilanti, De Rossi, Gammone (dal 40°s.t. Pollace), Esposito G., D’Angelo, Squillace, Marano (dal 23°s.t. Ferreira), Arcidiacono (dall’11°s.t. Bollino). A disposizione: Ciotti, La Cagnina, Monteleone, Granata, Cozza, Russo, Tavares, De Felice. Allenatore: Pino Rigoli.

Arbitro: Daniele Viotti di Tivoli.

Assistenti: Giuseppe Macaddino (Pesaro) e Vincenzo Madonia (Palermo).

Ammoniti: Djordjevic (CT); De Rossi (SL); Marano (SL); Bogdan (CT); D’Angelo (SL); Narciso (SL); Bollino (SL); Di Grazia (CT).

Espulsi: Bucolo (CT).

note: serata con temperatura primaverile al “Massimino”. Il terreno di gioco si presenta in discrete condizioni. Il Catania, reduce da sei vittorie consecutive, affronta una Sicula Leonzio imbottita di ex. La formazione allenata da Lucarelli sfoggia la classica casacca rossazzurra mentre gli ospiti vestono di bianconero. Per la prima volta in questo campionato, gioca contemporaneamente dall’inizio la coppia d’attacco Ripa-Curiale.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php