Live Sicilia

calcio - serie c

Di Napoli suona la carica
"Akragas, battiamo il Bisceglie"


Articolo letto 2.683 volte

Il tecnico del Gigante vuole una reazione dopo le ultime due sconfitte consecutive.

VOTA
0/5
0 voti

AGRIGENTO - Una pronta e necessaria reazione dopo due sconfitte consecutive, che serva per mettersi alle spalle una settimana iniziata male e soprattutto per distrarsi da ciò che sta accadendo fuori dal campo. È questo lo spirito con cui in casa Akragas si pensa al prossimo impegno di campionato, quello in programma domani pomeriggio al "De Simone" di Siracusa contro il Bisceglie. Secondo impegno in campo neutro per la formazione guidata da mister Raffaele Di Napoli, e potrebbe essere questo un buon modo anche per cancellare anche la sua prima apparizione sul campo aretuseo come se fosse la casa del Gigante, ovvero la sconfitta che per una situazione paradossale è avvenuta proprio contro il Siracusa. Ecco allora che arriva una nuova occasione per i biancazzurri, che dopo lo 0-3 rimediato dagli aretusei sono inciampati martedì sul campo del Catanzaro prima di affrontare questa sfida che diventa importante anche sul fronte della classifica. Tre punti diventano fondamentali, quasi obbligatori in questa fase del torneo.

Nella consueta conferenza stampa che precede il giorno della partita, mister Di Napoli ha parlato in primis della questione relativa alla trasferta forzata, in una partita che di casalingo non sembra poi avere tanto. Durante la settimana si è tenuta anche una manifestazione pacifica da parte di un gruppo di tifosi dell'Akragas, i quali hanno fatto brillare i display dei proprio smartphone per creare quell'illuminazione che da tempo manca all'Esseneto. Una manifestazione molto gradita dal tecnico del Gigante, in quanto dimostrativa e pacifica, e che rende anche l'idea della vicinanza dei sostenitori alla formazione biancazzurra, letteralmente condannata a vincere in esilio: "Mi dispiace per la gente di Agrigento non poter giocare all’Esseneto - ha dichiarato Di Napoli a riguardo - , ma le regole sono queste e dobbiamo attenerci. Ci dispiace non avere il supporto dei nostri tifosi. Si è tenuta una manifestazione civile a dimostrazione anche che il popolo agrigentino ha delle idee molto valide. Va supportato sperando che si possa risolvere qualcosa".

Dopodichè Di Napoli non può non parlare della partita, e di un avversario da battere ma al tempo stesso da non prendere sottogamba. Il Bisceglie arriverà al "De Simone" di Siracusa per acuire la crisi dell'Akragas e per portare a casa punti che diventano già pesanti nella corsa verso la salvezza. E dal proprio punto di vista, la compagine pugliese potrebbe essere secondo il mister del Gigante l'avversario giusto per ripartire dopo due partite in cui la prestazione complessiva non è stata troppo negativa a differenza dei risultati maturati contro Siracusa e Catanzaro. Due partite a cui porre rimedio proprio contro il Bisceglie: "Il nostro pensiero è a domani e al Bisceglie - ha dichiarato il tecnico biancazzurro - . Dobbiamo giocare sereni e con la testa libera da pensieri e da pressioni. Siamo consapevoli di essere una buona squadra e di giocare un buon calcio. Per il Bisceglie abbiamo grande rispetto. Il Bisceglie è una ottima squadra con importanti giocatori; noi dobbiamo essere convinti di avere una forza e imporre il nostro gioco".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php