Live Sicilia

calcio - serie c

Sicula, le solite amnesie
Il Lecce ringrazia e vince


Articolo letto 2.401 volte

Errori difensivi gravi per i bianconeri, ne approfittano Caturano e Di Grazia. Inutile la doppietta di Arcidiacono.

VOTA
0/5
0 voti

LECCE - Non riesce il miracolo alla Sicula Leonzio, la quale esce sconfitta per 3-2 dal campo della corazzata Lecce. È stata, come suggerisce il punteggio scaturito dalla gara del "Via del Mare", di una partita molto divertente e senza esclusione di colpi, in cui la formazione bianconera ha pagato soprattutto il doppio errore difensivo che ha consentito ai salentini di portarsi sul 2-0, indirizzando in maniera piuttosto chiara la partita. Il merito principale dei ragazzi di Pino Rigoli è stato quello di aver riaperto la gara in ben due occasioni, e sempre grazie alle accelerazioni di Arcidiacono, il cui rientro potrebbe rivelarsi provvidenziale. Tuttavia, le topiche del reparto arretrato (che ora iniziano ad essere un po' troppe) sono costate un'altra sconfitta alla neopromossa Sicula, che continua a restare ferma a quota 5 punti, mostrando un gioco ancora una volta brillante ma peccando di precisione sui due lati del campo. Così facendo la salvezza potrebbe essere qualcosa di complicato da raggiungere, anche se c'è ancora un bel po' di calendario da consumare.

Gli ospiti provano a iniziare la partita con le proverbiali marce alte, nonostante un Lecce che si schiera subito con un potenziale offensivo da far paura. La prima occasione della gara è infatti per i salentini, con Di Piazza che al 12' prova a battere Narciso da posizione defilata, trovando però l'opposizione del portiere. Marano trova pronto Perucchini su una conclusione da fuori area, poi arrivano gli ormai soliti minuti di follia che costano caro alla Sicula. Al 19' Davì stende Caturano in area in maniera ingenua: rigore che lo stesso bomber giallorosso trasforma. Due minuti dopo, però, c'è solo da applaudire di fronte alla prodezza di Di Piazza, che riceve un cross di Mancosu e spara una voleè forte e precisa che batte Narciso. Un'altra situazione di punteggio negativo e immeritato per i bianconeri, che tornano ad attaccare e sfiorano il gol con una punizione di Bollino che al 25' non trova la porta per pochi centimetri. È il preludio al gol della Sicula, che arriva al 33': anche qui c'è un rigore, per fallo di Drudi sulla punta di scuola Palermo, e dagli undici metri Arcidiacono realizza. Ospiti che continuano a spingere senza costrutto, mentre dall'altra parte il Lecce continua a giocare con la forza dei nervi distesi e prima dell'intervallo trova il punto del 3-1: Lepore calcia da fuori, sembra un tiro innocuo ma il tacco di Caturano lo rende imprendibile per un incolpevole Narciso.

Si torna dagli spogliatoi con una Sicula Leonzio decisa a ricucire al più presto lo strappo. E dopo due minuti e mezzo Arcidiacono realizza ancora: grande azione di Bollino e assist per il suo numero 7, che brucia un difensore e batte Perucchini. Liverani capisce che la spinta offensiva dei bianconeri può essere pericolosa e cambia assetto alla squadra, passando al 3-5-2 con gli ingressi di Tsonev e soprattutto Marino. Ospiti un po' bloccati ora dal nuovo schieramento salentino, e padroni di casa che ci provano con Mancosu, che allo scoccare dell'ora di gioco non trova la porta. Si fa male Di Piazza e il suo tecnico lo sostituisce con Torromino, mentre dall'altra parte Camilleri non trova la porta di testa sugli sviluppi di un corner, prima di lasciare il posto a Monteleone. Di fatto, però, l'attacco della Sicula Leonzio diventa sempre più sterile con il passare dei minuti, con la difesa leccese che ha chiaramente buon gioco, consentendo anche qualche scappata in contropiede ai giocatori d'attacco: in una di queste situazioni proprio Torromino accelera su Squillace ma calcia ancora senza inquadrare la porta. Tanto basta, però, al Lecce per portare a casa tre punti, mentre in casa Sicula c'è ancora da lavorare e soprattutto da riflettere.

TABELLINO

LECCE-SICULA LEONZIO 3-2 (19' rig. e 45' Caturano, 21' Di Piazza, 34' rig. e 48' Arcidiacono)

LECCE: Perucchini, Lepore, Drudi, Cosenza, Di Matteo, Costa Ferreira (49' Tsonev), Arrigoni, Armellino, Mancosu (68' Valeri), Caturano (56' Marino), Di Piazza (68' Torromino).

SICULA LEONZIO: Narciso, De Rossi, Aquilanti, Camilleri (77' Monteleone), Squillace, Marano (87' De Felice), Davì, D’Angelo (33' Gammone), Bollino (87' Bonfiglio), Ferreira (77' Tavares), Arcidiacono.

Arbitro Proietti di Terni.

Ammoniti Drudi e Valeri(L).

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php