Live Sicilia

calcio - serie c

L'Akragas inciampa a Matera
Decide un gol di Stendardo


Articolo letto 4.543 volte

Il difensore di casa dopo un quarto d'ora firma il gol vittoria. Gigante scarno in attacco.

VOTA
0/5
0 voti

MATERA - Un Akragas troppo timoroso e forse troppo spuntato cede il passo al Matera nella partita che inaugura il campionato della formazione biancoblu. Una sconfitta all'esordio che si poteva in un certo senso prevedere, e che ha messo ancor di più a nudo le difficoltà di una rosa, quella messa a disposizione di Lello Di Napoli, che non sembra avere le doti offensive e di qualità necessarie per disputare un campionato tranquillo, quasi a riflettere in maniera chiara le difficoltà emerse in casa Gigante durante l'estate. Nell'1-0 che ha deciso la gara, però, c'è la firma di un difensore: Stendardo al 17' del primo tempo ha bucato le mani a un Vono che, a dire il vero, in più di un'occasione ha tenuto in piedi la squadra evitando un passivo troppo pesante. In ogni caso, per quanto riguarda il Matera c'è da dire che la maggiore fame e la maggiore qualità nel reparto offensivo - complice anche il 4-3-3 proposto da Auteri - ha fatto la differenza.

Inizio di partita in cui le due squadre sembrano non voler sprecare troppe energie, caldo e preparazione che si fanno sentire. Il primo a provarci è Parigi, che alle soglie del 10' spara da fuori senza trovare il bersaglio grosso, con un canovaccio della gara che propone un Matera più propositivo e un Akragas che cerca di restare compatto per tentare di far male in ripartenza. Battista dalla distanza trova i pali ma non sorprende Vono al 12', ma cinque minuti dopo i biancoblu fanno decisamente più male: azione convulsa sugli sviluppi di una punizione, Stendardo tenta la sponda per poi ritrovarsi il pallone sul sinistro e calciare in maniera imparabile per Vono. I padroni di casa insistono, Battista ci riprova al 21' e solo una deviazione gli nega il gol. Il Gigante non riesce a reagire, prova a fare la partita ma si ritrova spuntato; allora è ancora il Matera a provarci con Corado, che intorno alla mezz'ora cerca il tiro mancino, strozzandolo e porgendo quasi un passaggio a Vono. Ben più pericoloso il tiro di Maimone, che da oltre 30 metri impegna il portiere ospite. La prima conclusione dell'Akragas nello specchio è di Saitta, che al 31' sporca appena i guanti di Golubovic prima di una palla gol nitida per Corado: girata nel cuore dell'area e palla alta nell'ultima emozione del primo tempo.

La seconda frazione inizia sempre secondo la stessa falsariga del primo. Chi si aspetterebbe un Akragas più leonino e offensivo, deve invece fare i conti con un Matera che anzi cerca di raddoppiare e chiudere le ostilità. Nei primi minuti ci provano Scognamillo, con una conclusione fuori misura, e Giovinco che impegna al 5' un Vono sempre sul pezzo. Ancora il fratello dell'ex juventino alla conclusione dopo sei giri di lancette, e ancora una volta il portiere del Gigante costretto all'intervento per evitare il raddoppio. I padroni di casa insistono e si affidano ancora una volta a Giovinco, ma questa volta è Russo a immolarsi per respingergli la conclusione. Parigi al 17' ci prova senza fortuna, prima di lasciare il posto a Leveque, i padroni di casa controllano il ritmo della partita e solo nell'ultimo quarto d'ora l'Akragas viene fuori, soprattutto dopo l'ingresso di Rotulo al posto di Carrotta. Sernicola e Strambelli vengono inseriti da Auteri per dare freschezza alla manovra del Matera, ma nel finale l'ultima chance è per Mileto: il difensore ospite trova una respinta di un collega avversario. Ed è questa l'ultima occasione per l'Akragas per evitare la sconfitta al debutto.

TABELLINO

MATERA-AKRAGAS 1-0

Marcatore: 17' Stendardo

MATERA (4-3-3) - Golubovic, De Franco, Scognamillo, Stendardo, Salandria, Di Lorenzo, Macciucca, Maimone, Giovinco (73' Strambelli), Battista (86' Sernicola), Corado (67' Dugandzic). In panchina: Mittica, Tonti.

AKRAGAS (3-5-2) - Vono, Danese, Russo, Mileto, Vicente, Longo, Sepe, Carrotta (86' Rotulo), Saitta, Salvemini, Parigi (62' Leveque). In panchina: Lo Monaco, Scrugli, Pisani, Navas, Franchi, Minacori, Caternicchia.

Arbitro: Dionisi de L'Aquila.

Ammoniti: Corado (M), Danese (A).

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php