Live Sicilia

futuro giallorosso

Messina tra campo e mercato
Si cerca di puntellare l’organico


Articolo letto 1.258 volte

La proprietà vorrebbe consegnare a Venuto una squadra già completa per il 20, giorno dell’esordio in coppa.

VOTA
0/5
0 voti

MESSINA – Tra campo e mercato. Il Messina di Antonio Venuto continua a sudare sul terreno in sintetico di Rocca di Caprileone, dove resterà fino a lunedì, giorno in cui si concluderà il ritiro. Poi testa già all’impegno di Coppa Italia fissato per giorno 20 e annunciato dalla stessa Lega Nazionale Dilettanti. Entro quella data, la proprietà vorrebbe consegnare a Venuto una squadra già completa, poi toccherà al campo dire se e come intervenire ulteriormente nel mercato. Giovedì dovrebbe arrivare in ritiro Andrea Migliorini, centrocampista che vanta, tra l’altro, esperienze con Spal e Pordenone ma anche con la maglia degli australiani del Melbourne Heart.

Si fa dunque ancora più ricca la mediana peloritana, perché l’argentino Pezzella e l’ex Milazzo Leandro Rizzo stanno già mostrando tutte le proprie qualità. Ma per il centrocampo, nelle ultime ore si registra una decisa accelerata per Giovanni Lavrendi, esperto centrocampista calabrese che vanta oltre 300 presenze in carriera e particolarmente gradito a Venuto. Sull’ex Hinterreggio era forte il pressing della Vibonese, ma a quanto pare la società giallorossa sarebbe balzata il pole position. Sfumano, invece, Forgione, in procinto di firmare con il Tuttocuoio, e Verachi, che dovrebbe andare alla Nuorese. Altri due assistiti dalla stessa agenzia sono gli attaccanti Meloni e Molino, che restano piste possibili per il Messina.

Tornando alla composizione dell’organico, tra i giocatori arrivati mercoledì e quelli che arriveranno venerdì, saliranno a 27 gli elementi agli ordini di Antonio Venuto, tra questi anche il portiere scuola Juve, Gagliardini, e l’attaccante Dezai. Possibile l’arrivo di un altro estremo difensore, in questo caso c’è da registrare un ritorno di fiamma per Gomis, fratello del portiere scuola Toro che vanta anche esperienze ad Avellino.

Il club giallorosso deve dunque lavorare ancora tanto sul fronte under, mentre c’è un nome nuovo per quanto concerne gli over. E’ quello del centrocampista guineano Ismael Bangoura, 36 gare tra i professionisti in Lega Pro nell’ultimo triennio con le maglie di Maceratese, Fidelis Andria e San Marino. In precedenza l’esordio in B con il Cesena e la trafila nel settore giovanile dell’Inter. Bangoura sarà valutato dal tecnico Antonio Venuto e dal collaboratore Santo Matinella.

Le note negative sono rappresentate dagli infortuni. Dopo Cardinale (che ha già lasciato il ritiro) e Mariani, un problema inguinale ereditato dalla passata stagione ha costretto allo stop Bonadio. Il ’97, che avrebbe dovuto rappresentare uno dei punti fermi dell’ACR, adesso rischia di saltare la preparazione, aspetto che metterebbe in dubbio perfino il suo tesseramento.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php